Rissa tra donne nella struttura per richiedenti asilo

Si è arrivati alle mani ieri sera all’interno della struttura di via Bicchi a Carmignano che ospite donne, in gran parte nigeriane richiedenti asilo, e i loro figli e che è gestita dalla cooperativa Humanitas. Verso le 22 è nata una discussione probabilmente legata alla confusione fatta da alcuni bambini. Quattro donne hanno cominciato a discutere animatamente e una di loro è stata presa a morsi. Sul posto sono giunte le forze dell’ordine per riportare la calma. Tutte le donne coinvolte nella rissa saranno denunciate.

Intanto il sindaco di Carmignano, Edoardo Prestanti, rende noto di aver “chiesto e ottenuto l’allontanamento e la sistemazione in una struttura più adeguata del soggetto che ieri sera ha causato il conflitto all’interno del centro di accoglienza di via Bicchi”. La notizia giunge in seguito a una riunione convocata d’urgenza questa mattina in Prefettura per fare il punto sulla situazione dell’accoglienza dei richiedenti asilo, dopo il diverbio di ieri sera. “Stiamo seguendo passo passo la vicenda” ha aggiunto Prestanti, che ieri sera si è subito portato sul luogo della lite. “Per prima cosa abbiamo formulato una richiesta perentoria alla Prefettura, per ricollocare la donna che ha provocato il diverbio e il figlio in un alloggio più idoneo. Su questo la Prefettura ci ha rassicurato. Stasera inoltre incontreremo il gestore della cooperativa Humanitas per fare il punto della situazione e analizzare cosa è successo. Nessuno di noi ha mai ricevuto segnalazioni da parte dei vicini, siamo comunque disponibili ad ascoltare i residenti e a trovare insieme delle soluzioni idonee per garantire la massima sicurezza e tranquillità di tutti”.

Commenti

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*