Ottanta richiedenti asilo faranno volontariato nelle associazioni: firmata la nuova convenzione

Il Comune di Prato e 18 tra associazioni, cooperative gestori dei centri di accoglienza straordinari e Consiag hanno firmato la convenzione che coinvolgerà 80 richiedenti asilo nella vita della comunità attraverso l’impegno nel volontariato.
Come ha ricordato il vicesindaco Simone Faggi, che ha ringraziato gli uffici comunali e le associazioni per il lavoro svolto,“si tratta di uno passo importante sulla strada dell’inclusione. Prestare opera di volontariato nelle associazioni coinvolgerà i richiedenti asilo in un percorso di utilità reciproca”.

I profughi ospitati presso i CAS sono circa 800, in diminuzione rispetto al passato, grazie a qualche caso di rimpatrio assistito, ai ricollocamenti in paesi del Nord Europa dove queste persone (una quindicina a settembre) si sono ricongiunte ad alcuni familiari, e agli allontanamenti della Prefettura per mancato rispetto del regolamento.
Quanto alle strutture di accoglienza non sono previste novità nei prossimi mesi, tranne un “alleggerimento” delle presenze nella palazzina ex Anci di via Roma, di proprietà del Comune, dove resteranno una decina di richiedenti asilo, al primo piano dell’immobile, mentre il piano terra dello stabile sarà risistemato e destinato entro l’inverno a dormitorio notturno per i senzatetto.

 

Le attività di volontariato
La convenzione sottoscritta oggi, è la terza esperienza di volontariato per i richiedenti asilo che viene attivata e avrà durata di nove mesi. Rispetto alle precedenti edizioni, sono aumentati i posti (da 20 a 80) e i partner dell’iniziativa. Nei prossimi giorni, appena il Ministero dell’Interno avrà definito le linee guida, Comune e Prefettura sottoscriveranno un’intesa che recepisce la convenzione.

La attività di volontariato in cui saranno impiegati gli 80 richiedenti asilo sono le seguenti: attività sperimentale di attraversamento scuole, grazie a un accordo con la polizia municipale che si è fatta carico del percorso di formazione, pulizia sul verde e piste ciclabili; attività presso Circoli, Emporio Caritas e presso molte associazioni di volontariato, tra le quali anche quelle di emergenza e soccorso (Croce d’oro, Pubblica Assistenza, Croce rossa) e la VAB.

La partenza delle attività avverrà dopo la sottoscrizione di specifica lettera di impiego tra il Comune e le singole associazioni, che potranno fruire del fondo INAIL per la copertura assicurativa infortuni e malattie professionali.

Tra i firmatari della convenzione ci sono 11 associazioni: Solidarietà Caritas, Arci Prato, Arci Territoriale, Fondazione Parsec, Centro Scienze Naturali, Croce Rossa, Croce d’Oro, Pubblica Assistenza L’avvenire, Aurora, Vab, Riciclidea; i 7 Enti gestori CAS: Coop 22, Consorzio Astir, Coop Pane e Rose, Coop. Alice, CO&SO, Servizi Toscani, Eccoci; e la partecipata Consiag.

Commenti

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*