“40 Di Noi”, domani sera la seconda puntata del format di Tv Prato: riflettori puntati sugli anni Novanta. Ospite speciale, Jury Chechi FOTO

Dalla drammatica alluvione di Poggio a Caiano all’arrivo delle prime piste ciclabili; dalla nascita della Provincia a quella del Politeama Pratese, fino al debutto della Camerata Strumentale. Senza dimenticare la vittoria alle Olimpiadi di uno dei campioni che hanno fatto grande lo sport pratese: Jury Chechi. Sono gli energici anni Novanta i protagonisti della seconda puntata di “40 Di Noi”, la trasmissione di Tv Prato – nata da un’idea del direttore Gianni Rossi – che racconta quattro decenni di storia della città e della provincia attraverso le preziose immagini d’archivio della tv e le testimonianze di coloro che ne sono stati diretti protagonisti.

L’appuntamento è per domani, martedì 24 aprile, alle 21,20 sul canale 74 del digitale terrestre o in streaming su tvprato.it. La trasmissione, condotta da Giulia Ghizzani, fa parte del progetto che Tv Prato dedica ai suoi telespettatori e a tutti i pratesi in occasione del suo quarantesimo compleanno. Un viaggio a ritroso che unisce informazione e intrattenimento, grazie anche al contributo da mattatore di Stefano Simmaco e della band composta da Andrea Cappelletti (violino), Fabrizio Lombardi (chitarra), con la voce di Roberta Biagiotti. La direzione artistica e il coordinamento di produzione sono affidati a Francesca Arena, con la consulenza di Giacomo Forte; la regia è di Alessandro Pettorali; la redazione è a cura di Caterina Fanfani, mentre la ricerca dei contributi d’archivio è seguita da Renato Tinti.

Si parte quindi con il racconto e la musica degli anni Novanta. Scorreranno le immagini dell’alluvione del 1992 a Poggio a Caiano, e poi quelle delle prime piste ciclabili, un modo diverso di vivere la mobilità cittadina. C’è poi l’arrivo del vescovo Gastone Simoni e il saluto di monsignor Fiordelli, primo vescovo residenziale di Prato. Nel 1995 l’istituzione, dopo decenni d’attesa, della Provincia, con i cambiamenti che l’Ente produsse per il territorio. E ancora, uno sguardo in avanti: mentre Tv Prato produce il primo notiziario in lingua cinese, la città è impegnata a ridare vita al Politeama Pratese e a fondare la Camerata strumentale Città di Prato. Nel 1999, la grandissima emozione di Vergaio e di tutta la comunitàm per l’Oscar a Roberto Benigni con il film “La vita è bella”.

L’ex sindaco Silvano Gelli e l’allora assessore Antonio Castellano racconteranno la notte in cui l’Ombrone strinse d’assedio Poggio a Caiano. Fabrizio Mattei ricostruirà la grande scommessa delle ciclabili, mentre Daniele Mannocci illustrerà quali vantaggi ha portato ai pratesi la Provincia. Il sociologo Paolo Sambo descriverà l’arrivo della comunità cinese sul territorio mentre le belle avventure del Politeama Pratese e della Camerata strumentale saranno ripercorse da Alberto Batisti e da Rosita Galanti Balestri.

Ospite speciale della puntata sarà Jury Chechi, che ha rilasciato in esclusiva a Tv Prato un’intervista in cui – dal salotto della sua casa pratese – ricorda l’inizio di carriera, i sacrifici fatti e il trionfo alle Olimpiadi di Atlanta nel 1996, con una riflessione anche sullo stato di salute della ginnastica oggi.

Tutti sintonizzati, quindi, su Tv Prato per il secondo appuntamento di “40 Di Noi”.

Commenti

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*