Il questore: “Prato rifugio per i delinquenti”. A febbraio arrivano 11 nuovi poliziotti

Più arresti, meno denunce. E’ in questi due dati la sintesi del 2018 della polizia. Al 28 dicembre sono 238 le persone arrestate, a fronte delle 220 che erano state assicurate alla giustizia lo scorso anno. Di contro è calato sensibilmente il numero dei denunciati, passati dai 1640 del 2017 ai 1570 dell’anno in corso. I risultati sono anche frutto della strategia di implemento dei controlli, con quasi 5mila pattuglie impiegate sul territorio nel 2018. Il lavoro della squadra mobile ha permesso l’arresto in flagranza di 71 spacciatori, mentre l’ufficio immigrazione ha più che raddoppiato i provvedimenti. Solo per fare un esempio i decreti di espulsione sono passati dai 158 del 2017 ai 357 del 2018. Nonostante ciò Prato resta una città attrattiva per i delinquenti a causa di luoghi degradati e della presenza di numerose etnie, ma anche di cavilli burocratici, come ad esempio la mancanza di documenti per l’espatrio, l’attesa della conferma delle generalità dai consolati o quella per l’esito di procedimenti penali che fanno restare sul territorio soggetti che non avrebbero titolo per la permanenza.
Col nuovo anno giungeranno però buone notizie. A febbraio arriveranno rinforzi, la questura potrà contare su 11 nuovi agenti.

Commenti

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*