Poggio a Caiano, spari contro auto che tenta di investire due Carabinieri: arrestati due ladri

Momenti di paura ieri sera a Poggio a Caiano dove i carabinieri hanno aperto il fuoco contro un’auto condotta da un malvivente. L’uomo avrebbe tentato di investire i militari dopo essere stato sorpreso a rubare in una villetta di via Aietta assieme a una complice.
A dare l’allarme è stato il proprietario di casa, in quel momento assente, allertato sul proprio cellulare dal sistema anti-intrusione installato nella sua abitazione. I carabinieri, impegnati in una serie di controlli proprio per contrastare i furti nella zona, si sono portati sul posto sorprendendo i due malviventi: un uomo e una donna, residenti in un campo nomadi di Pistoia, pluripregiudicati.
I due, incappucciati, stavano uscendo dalla villetta con la refurtiva in mano (borse, gioielli e soldi). Secondo la ricostruzione dei carabinieri, i due militari dell’Arma hanno bloccato la donna, mentre il complice è riuscito a raggiungere l’auto, che avevano preso a noleggio. Anziché tentare la fuga, il malvivente ha ingranato la retromarcia tentando di investire i carabinieri, probabilmente per liberare la donna. Uno dei militari è riuscito a scansarsi, l’altro ha sparato alcuni colpi di pistola verso la parte inferiore della vettura, colpendo il conducente a un piede. Il malvivente non si è dato per vinto e ha cercato di fuggire, ma è andato a sbattere contro un muretto. Scappato poi a piedi è stato finalmente bloccato dai carabinieri.
L’uomo, soccorso da un’ambulanza del 118, è stato trasportato in ospedale per le due del caso. Adesso si trova in carcere assieme alla complice con l’accusa di tentato omicidio e furto.

Dopo i fatti il sindaco di Poggio a Caiano, Francesco Puggelli, ha chiamato il Maresciallo Massimino per esprimere a lui, e a i suoi uomini, i ringraziamenti di tutti noi poggesi per l’azione condotta.
“Questo episodio è la conferma che l’attività di prevenzione e la sorveglianza del territorio sono le misure più importanti per proteggere noi e la nostra cittadina – afferma Puggelli –. Potrà sembrare una cosa ovvia, ma la presenza di una pattuglia in macchina che gira per Poggio o di uomini in divisa che passeggiano per le strade è una delle misure che funziona di più per prevenire – o come in questo caso – individuare i crimini e, di conseguenza, proteggerci. Ovviamente per farlo servono uomini e donne”. A questo proposito il sindaco Puggelli rinnova l’appello fatto al Ministro degli Interni già nel novembre scorso: “Rinforziamo la dotazione delle forze dell’ordine. Diamo un aiuto concreto a questi uomini e donne che, ogni giorno, mettono la loro vita a servizio del nostro Paese. Come amministrazione – aggiunge Puggelli – abbiamo fatto e continueremo a fare quanto ci è possibile per aiutare l’attività quotidiana dei carabinieri investendo risorse importanti per il nostro bilancio nell’installazione delle telecamere di videosorveglianza, utili sia come deterrenti che per le indagini di polizia giudiziaria. Ma ora serve uno sforzo in più da parte del Governo portiamo almeno a 10 unità la dotazione organica dei Carabinieri di Poggio. Io la penso così – conclude il sindaco di Poggio –. Ogni euro messo nel rafforzamento dell’organico dei carabinieri è un “investimento” che funziona più di ogni altro discorso per garantire la serenità di tutta la comunità”.

Commenti

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*