Reale Foundation acquista i trofei di Chechi per ristrutturare la palestra Etruria: donazione da 70mila euro VIDEO

L’asta pubblica per raccogliere fondi per la palestra Etruria non si farà. L’appello del campione olimpico Yuri Chechi, che aveva deciso di mettere in vendita i trofei vinti durante la carriera per il rifacimento dell’impianto elettrico della struttura, che ha dato i natali sportivi al “Signore degli Anelli”,  è stato raccolto da una grande realtà nazionale: sarà infatti Reale Foundation, la fondazione corporate di Reale Group, ad acquistare simbolicamente i 180 cimeli, tra coppe e trofei, vinti negli anni da Chechi, con una donazione di 70mila euro, che consentirà di salvare la storica sede.

Nei giorni scorsi la notizia della possibile chiusura della palestra pratese e l’appello di Chechi avevano fatto il giro dell’Italia, mobilitando tante persone e generando attestati di stima anche da lontano. Ora però arriva il sostegno economico di Reale Foundation, ben superiore ai 3.500 euro ipotizzati dal campione al momento del lancio dell’iniziativa. I fondi serviranno a ristrutturare l’intero impianto elettrico, i bagni della palestra e il riscaldamento, dando così una prima risposta ai tanti iscritti che frequentano la palestra, circa 250 ragazzi (tra ginnastica ritmica, artistica e trampolino, dai 4 a 20 anni d’età). I trofei, resi disponibili da Chechi, resteranno in ogni caso a disposizione dell’Etruria, che li potrà esporre nella propria sede.

“Ho ricevuto solidarietà dalle persone comuni – ha spiegato Yuri Chechi – Attestati di affetto anche da persone che sono lontane dal mondo della ginnastica. Questo è un esempio di best practise. Vigileremo sull’uso dei fondi, che vogliamo sia trasparente e funzionale davvero al salvataggio dell’Etruria”.

 

Di seguito il video Facebook in cui Yuri Chechi annuncia l’intervento di una fondazione nazionale.

Commenti

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*