Approvato con utile il bilancio 2018 della Misericordia: oltre 200mila i servizi svolti a favore dei cittadini

Approvato il bilancio 2018 della Misericordia di Prato. Ieri, giovedì 31 maggio, si è tenuta nella sede centrale di via Galcianese l’assemblea dei soci, durante la quale il proposto Gianluca Mannelli ha illustrato la relazione di bilancio e fatto il punto sull’andamento economico e sull’impegno quotidiano profuso nel corso del 2018 dai tanti confratelli e consorelle appartenenti alle 26 sezioni dell’Arciconfraternita pratese. Un bilancio che si è chiuso anche quest’anno in positivo, con un utile di 140mila euro. La gestione del 2018 è terminata con un incremento di 80mila euro rispetto al 2017. All’assemblea erano presenti il governatore Laila Minelli, il provveditore Francesco Logli, il correttore don Francesco Spagnesi e il segretario generale Andrea Gori.

«Il profitto non è il nostro fine, non possiamo misurare la nostra attività in termini economici – ha commentato il proposto Gianluca Mannelli -. Dobbiamo continuare a svolgere, con spirito di carità cristiana, tutti quei servizi che la società attuale ci chiede. Fa parte del nostro essere, della nostra tradizione e appartenenza a questo meraviglioso movimento delle Misericordie. La nostra istituzione, secondo la specifica vocazione propria del volontariato d’ispirazione cristiana, è impegnata in tanti settori dei servizi sociali e sanitari. Se è vero che riuscire a garantire a coloro che più hanno bisogno validi servizi di utilità sociale è il nostro ‘profitto’, non possiamo prescindere dal raggiungimento di risultati economici e finanziari positivi, così da poter allargare sempre di più il campo di azione dell’Istituzione a servizio della comunità».

Ingente la mole di attività compiute dalla Misericordia nel 2018: «Tutto questo – ha aggiunto Mannelli – è stato reso possibile grazie al supporto e all’impegno di tanti confratelli e consorelle e di tutti coloro che, quotidianamente e con vero senso di appartenenza, svolgono i numerosi servizi che la nostra Arciconfraternita riesce ad erogare».

Servizi e attività svolte

Sono stati 203.254 i servizi svolti nel 2018, tra ambulatoriali, ordinari e sociali e con medico a bordo, nella sede centrale e nelle 26 sezioni dell’Arciconfraternita sparse sul territorio pratese e in parte anche fiorentino. Un numero in costante crescita rispetto al 2017, che si era chiuso con 188.826 attività effettuate. C’è stato dunque un incremento di oltre 14mila servizi in più rispetto all’anno precedente. «La nostra Misericordia ha consolidato un ruolo importante nella società pratese per la rilevanza dei servizi resi – ha precisato il Proposto -. Questi importanti risultati sono stati resi possibili grazie al grande lavoro portato avanti quotidianamente da tutti i confratelli e le consorelle».
I servizi socio sanitari ammontano a 173.487 e comprendono anche le uscite con medico a bordo (7.117) e i servizi sociali, ordinari e vari (166.370). L’attività svolta, come sottolineato dal Proposto, è stata soddisfacente con la consueta copertura dei servizi 24 ore su 24, 365 giorni all’anno, festività incluse. I servizi giornalieri sono stati svolti garantendo la copertura anche nelle fasce orarie più critiche, assicurando visite, dimissioni, fisioterapie, servizi di emergenza e di pronto soccorso sportivi. Coperti inoltre tutti i turni notturni, con una media di sei confratelli/consorelle per notte e un autista volontario a supporto del personale dipendente. Da rilevare inoltre il mantenimento del servizio di trasporto sociale.
Tra le altre attività eseguite nel 2018, i servizi di iniezioni gratuite, vaccini e misurazione della pressione (13.070); i servizi funebri (1.427) e i corsi di formazione (oltre 500 ore eseguite nei sette Centri di Formazione Permanente dislocati nel territorio pratese). Ingente l’impegno della Sezione femminile, che ha dedicato al prossimo oltre 14mila ore, offrendo servizi che vanno dall’assistenza domiciliare a quella nelle case di riposo e strutture extra ospedaliere, fino all’assistenza scolastica, ospedaliera, Telefono Amico e molto altro ancora. Il Centro di ascolto antiusura della Misericordia ha effettuato 102 colloqui e ha garantito assistenza a 36 persone per richiedere finanziamenti o per l’accesso al Prestito Sociale della Regione Toscana. Sono stati poi concessi dagli Istituti di Credito convenzionati sette finanziamenti per 495mila euro e otto nominativi hanno ottenuto il prestito regionale per un totale di 22mila euro. Da segnalare infine l’importante lavoro svolto nel corso dell’anno dal Consultorio familiare, dal Gruppo Fratres e dal raggruppamento della Protezione civile dell’Arciconfraternita della Misericordia di Prato.

Eventi e altri servizi significativi

Il 2018 è stato un anno importante per la Misericordia: il 22 luglio ha infatti celebrato, alla presenza del vescovo mons. Franco Agostinelli, delle istituzioni e di tutti i confratelli e le sorelle dell’Arciconfraternita, il 430° anniversario della sua fondazione, avvenuta nel 1588. Ma è stato anche l’anno dell’ultimazione dei lavori per l’ampliamento del cimitero monumentale di via Galcianese; del ricambio del parco automezzi, alcuni dei quali ormai obsoleti.
Il Centro Odontoiatrico ha risposto egregiamente alle esigenze delle persone, con tariffe sostenibili, finanziamenti a tasso zero e soprattutto con la qualità dei professionisti che vi operano e dei sistemi all’avanguardia che sono stati adottati. Da sottolineare la convenzione fatta con la Curia diocesana di Prato che consente ai parroci di indirizzare al Centro famiglie bisognose, alle quali vengono effettuati interventi gratuiti: sono stati 35 gli interventi eseguiti nel 2018, per un totale di 14mila euro. Il Centro offre inoltre tariffe agevolate, per le prestazioni a pagamento, per i confratelli e le consorelle e i soci della Misericordia. Presso i locali della Confraternita di Mezzana è poi attivo il servizio odontoiatrico festivo gratuito.
Si sono svolte con ottimi risultati anche le attività dell’Istituto Diagnostico Santo Stefano di Prato e di Vaiano, dove operano un’ampia scelta di medici specialisti qualificati, dotati di macchinari modernissimi. L’istituto di Prato alla fine del 2018 si è trasferito nel Centro Medico Misericordia di via Ferrucci, dove sono state portate tutte le attività sanitarie presenti nella sede di via Pistoiese e sono stati compiuti ingenti investimenti per la parte tecnologica, con l’acquisto di Tac e risonanza magnetica di ultima generazione che consentono così di avere un settore di eccellenza nel contesto cittadino e non solo. In totale nel 2018 sono state effettuate 27.352 prestazioni.
Sono state 7079 le visite specialistiche eseguite negli Ambulatori al Parco Prato che, lo ricordiamo, sono capaci di offrire oltre 30 specialità della medicina generale e servizi infermieristici, garantendo tempi di attesa molto brevi.

 

Commenti

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*