La Toscana è plastic free, bandito dalle spiagge il monouso

Bandire la plastica monouso dagli stabilimenti balneari e dagli eventi già a partire da quest’estate: è quanto prevede la legge approvata oggi dal Consiglio regionale, con 30 favorevoli e 3 astenuti su proposta dell’assessore regionale alla presidenza Vittorio Bugli.

Annunciata nelle scorse settimane dalla Giunta regionale, la norma nasce dalla volontà di consentire ai Comuni di dotarsi dei necessari strumenti normativi, a partire dalle ordinanze, per la piena realizzazione del piano ‘Toscana plastic free’. A vigilare sul rispetto delle nuove regole saranno gli agenti di Polizia Municipale dei singoli Comuni.
“Lo avevamo detto e lo abbiamo fatto, in tempi molto rapidi – ha commentato Bugli – solo due settimane fa abbiamo sottoscritto il protocollo di intesa con Anci, le maggiori associazioni di categoria e il sindacato di base ‘Donne di mare’, anticipando così la direttiva europea che dal 2021 mette fuorilegge le stoviglie in plastica“.
Bugli ha spiegato che grazie alla legge “nei locali con accesso sul mare, nei bar e ristoranti degli stabilimenti, posate, piatti, cannucce, contenitori per alimenti, mescolatori per bevande, tazze e bicchieri dovranno essere di materiale compostabile“.

La legge, dal titolo ‘Misure per la riduzione dell’incidenza della plastica sull’ambiente’ non ferma però la sua azione alle sole spiagge: è vietato utilizzare contenitori, mescolatori per bevande, aste a sostegno di palloncini, cannucce e stoviglie in plastica monouso anche nelle fiere ed eventi organizzati o finanziati da Regione, enti locali o aziende legate ad essi, nei parchi e nelle aree protette.

Commenti

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*