A Vaiano domenica la Festa della battitura. Molino Bardazzi: “Per grano e Gran Prato produzione eccezionale” 

Grande festa a Vaiano domenica 21 luglio per la battitura nel parco di Cangione. Le operazioni di mietitura, si trasformeranno in un vero e proprio spettacolo, anche grazie all’utilizzo di macchinari degli anni Cinquanta perfettamente funzionanti, e in gran parte ancora oggi in servizio alla Fattoria del Mulinaccio. Intanto sempre a Vaiano il Molino Bardazzi, pronto ad aprire le celebrazioni del suo centenario di attività, si prepara e gestire un’annata di produzione eccezionale di grano e Gran Prato che vede protagonista tutta la piana pratese. Tra gli addetti ai lavori si parla ormai di circa 25 mila quintali di prodotto complessivo.

 

Il programma della festa

La Festa contadina comincia sabato 20 luglio alle 19 con la cena sotto le stelle e la musica del gruppo La luna sottile, tribute band di Ligabue.
Domenica 21 luglio, alle 11, nel centro di Vaiano è prevista la sfilata dei mezzi agricoli storici e delle moto d’epoca che si conclude con l’aperitivo offerto dall’Agraria Bartolini. Alle 12,30, nell’area di Cangione c’è il pranzo della battitura a cui seguono (ore 16.30) le operazioni di mietitura dell’appezzamento dove quest’anno è stato seminato farro. Un’occasione di divertimento per famiglie e appassionati. In azione ci saranno anche un Landini “a testa calda” e un Deus, e poi trebbiatrici degli anni Cinquanta. (Per info 339 1683313)
L’evento viene realizzato con il sostegno del Comune grazie alla collaborazione tra l’Associazione Sofignano, Carnevale Vaianese, Battitori del Mulinaccio, Associazione nazionale carabinieri e Associazione pompieri.

“Si tratta di una iniziativa che valorizza il territorio, la sua storia e le sue tradizioni – sottolinea il sindaco Primo Bosi – è un’opportunità di festa ma anche, specialmente per i più piccoli, di conoscere meglio aspetti dell’attività agricola, patrimonio delle nostre comunità”.

Intanto proprio da Vaiano e dallo storico Molino Bardazzi si guarda con grande soddisfazione alla produzione di grano sulla piana. Marco Bardazzi, tra l’altro, è anche presidente dell’Associazione Gran Prato, che riunisce tutti i rappresentati della filiera d’eccellenza a chilometro 0 del territorio (dal grano ai prodotti finiti).  “Quest’anno la produzione di grano nell’area pratese è eccellente sia in termini qualitativi che quantitativi, il prodotto in generale è ottimo e il migliore diventa Gran Prato – mette in evidenza Bardazzi – le rese sono davvero buone, raggiungono punte 60 quintali per ettaro”

Commenti

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*