Sicurezza sul lavoro, arriva il “check up” gratuito per le imprese cinesi della Piana VIDEO

Nasce un servizio gratuito per la verifica dei rischi sul lavoro nelle imprese cinesi a Sesto Fiorentino, Firenze, Campi Bisenzio, Prato ed Empoli. Si chiama ‘Check up imprese’, è promosso da Cna Firenze Metropolitana nell’ambito del progetto ‘Inside Osmannoro’ finanziato dalla Regione Toscana, e consiste in una consulenza gratuita dei tecnici di Ambiente Impresa per verificare l’esistenza di rischi connessi ad attrezzature, sostanze, impianti e per quanto riguarda sicurezza, rumore, vibrazioni. In caso di irregolarità, i tecnici suggeriscono alle aziende le misure di prevenzione da adottare e i lavori di messa in sicurezza da effettuare. “La Regione ha schierato una squadra di operatori qualificati nelle aziende cinesi”, ha spiegato Renzo Berti, direttore del Dipartimento di prevenzione della Ausl Toscana Centro. “Siamo partiti da una situazione molto critica – ha spiegato – ma i risultati ottenuti sono positivi. Oggi i dormitori abusivi sono calati del 80%, gli impianti fatiscenti dell’81%, le carenze igieniche del 68%, la chiusura di reparti del 96%, le prescrizioni del 40% e le notizie di reato del 53%”.  Per l’assessore regionale alla sicurezza Vittorio Bugli “i riscontri sia allo sportello che in rete e sui social ci hanno confermato la bontà di questo nuovo modello”. Per lo stesso Berti, il progetto “Check up imprese” va nella direzione di “una sempre maggiore assunzione di responsabilità da parte degli imprenditori cinesi, della diffusione di una cultura della legalità e della prevenzione che vada al di là dei controlli previsti dal Piano”. Il Piano Lavoro Sicuro è stato prorogato fino al 2020: dopo questa data, deciderà la nuova giunta regionale (che si rinnoverà nella primavera dello stesso anno) se proseguire o meno. Anche in quest’ultima ipotesi, restano tutti assunti a tempo indeterminato i 74 tecnici della Prevenzione che effettuano gli accertamenti nell’ambito del Piano.

 

Ascolta l’intervista a Renzo Berti, su questo nuovo progetto e sull’aggiornamento dei numeri del Piano Lavoro Sicuro, in scadenza nel 2020

 

Commenti

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*