Al via il secondo lotto di lavori per la messa in sicurezza di via Firenze. Previsto il taglio di otto alberi per far spazio a una nuova pista ciclopedonale

Dopo viale Montegrappa è la volta di via Firenze. Stamani hanno preso inizio i lavori per il taglio di 8 tigli lungo la sede stradale. L’intervento fa parte del progetto di riqualificazione e messa in sicurezza di via Firenze, una delle strade della città col più alto tasso di incidenti, attraversata ogni giorno da 22mila veicoli. In particolare è prevista la realizzazione del secondo lotto della pista ciclopedonale, da via Poggio Castiglioni in direzione La Querce. La nuova pista, una volta completata, andrà a collegarsi con il primo tratto inaugurato lo scorso anno, che dall’ex chiesino Oratorio di Santa Maria Maddalena arriva fino a via Poggio Castiglioni. L’intervento era stato programmato da tempo, ma l’amministrazione comunale ha deciso di aprire il cantiere a scuole chiuse per ridurre i disagi al traffico, deviato in direzione della Declassata.
Il Comune di Prato fa sapere che gli 8 tigli abbattuti, situati quasi tutti sul lato Calvana, saranno poi ripiantati nell’area verde adiacente alla ferrovia di fronte a via Poggio Castiglioni, dove sorgerà un parcheggio, che l’amministrazione comunale ha ottenuto in comodato d’uso gratuito dalla città metropolitana di Firenze e dalla Rete Ferroviaria Italiana.
Il progetto di riqualificazione di via Firenze, finanziato con 380.000 euro dal ministero dell’Ambiente, prevede la realizzazione di attraversamenti pedonali luminosi e di una “zona 30” davanti al Circolo Costa Azzurra La Macine.

Commenti

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*