Lunedi 2 settembre tornano i treni sulla linea direttissima Prato-Bologna: per una settimana previsti ritardi

Cronoprogramma dei lavori rispettato: da lunedi 2 settembre torneranno a circolare i treni sulla linea direttissima Prato – Bologna, chiusa dallo scorso 10 agosto per lavori di adeguamento. Tre settimane difficili per i turisti, nel periodo caldo di Ferragosto, e per i pendolari, costretti ad utilizzare i bus sostitutivi messi in campo da Trenitalia o a trovare soluzioni alternative e più dispendiose, come l’affitto di stanze nelle località di lavoro o la sottoscrizione di abbonamenti per i treni ad alta velocità, che percorrono un’altra linea.
Da lunedi 2 settembre tutti i treni, compresi quelli in partenza alle prime ore del mattino, riprenderanno a servire la tratta Prato – Bologna. Per la prima settimana – fa sapere Trenitalia – sono previsti rallentamenti causati dal graduale ripristino della piena velocità dei convogli. Fino all’8 settembre, dunque, i treni diretti a Bologna potranno impiegare 10 minuti in più per raggiungere la destinazione, mentre sono previsti ritardi più contenuti, nell’ordine dei 5 minuti, sulla direzione opposta, da Bologna a Prato. Gli orari di partenza dei convogli restano comunque invariati.
Per le settimane successive potranno persistere delle limitazioni di velocità all’interno della sola galleria dell’Appennino, senza però causare particolari ritardi sulla linea.
I lavori delle scorse 3 settimane hanno visti impegnati nei cantieri 180 operai: sono stati interessate la grande galleria dell’Appennino. I 18,5 km di tunnel che collegano Toscana ed Emilia-Romagna sono stati oggetto di manutenzione straordinaria, per adeguare le sagome della galleria agli standard europei del traffico merci. Sono state rinnovate anche alcune componenti dei binari e aggiornate le tecnologie ferroviarie.

Commenti

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*