Artigiano morto a Galciana, la Procura ha disposto l’autopsia

Sarà effettuata l’autopsia sul corpo del 53enne morto ieri mattina mentre stava effettuando un sopralluogo per dei lavori da realizzare sul tetto di un capannone in via Pieraccioli a Galciana. L’uomo, un cittadino rumeno, è precipitato al suolo in seguito al cedimento di un lucernario in plexiglass sul quale era salito per verificare la situazione.
L’artigiano non aveva l’imbracatura di sicurezza e l’imprudenza gli è stata fatale. La copertura non ha retto al peso e l’uomo ha fatto un volo di sette metri, morendo praticamente sul colpo.
Il capannone, che ospita alcune ditte cinesi, è di proprietà di italiani che avrebbero commissionato il sopralluogo all’artigiano, titolare di una ditta individuale, per risolvere un problema di infiltrazioni di acqua dal tetto.
La Procura di Prato ha aperto un’inchiesta per ricostruire l’esatta dinamica dell’infortunio mortale e verificare eventuali responsabilità. La zona del capannone dove è avvenuto l’incidente mortale è stata posta sotto sequestro.

Commenti

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*