800 anni dall’incontro tra San Francesco ed il sultano: in Santa Croce la Giornata della fraternità

Una mattinata di confronto che ha confermato Firenze città del dialogo, punto di riferimento mondiale dell’incontro tra religioni e culture.
In Santa Croce questa mattina si è svolta la Giornata della Fraternità, promossa dall’Opera di Santa Croce con la Comunità dei Frati francescani minori conventuali a 800 anni dall’incontro tra San Francesco e il sultano.
Santa Croce, luogo chiave della spiritualità francescana, conserva la memoria dell’incontro epocale tra Francesco e il sultano in tre opere: il dipinto di Coppo di Marcovaldo nella Pala Bardi, l’affresco di Giotto per la Cappella Bardi, e il rilievo di marmo scolpito da Benedetto da Maiano sul pulpito della navata centrale.
Le opportunità aperte dalla Dichiarazione sulla Fratellanza Umana di Abu Dhabi hanno guidato il confronto. “È un documento storico, c’è una nuova prospettiva di pace per i cristiani, per i musulmani, per i credenti di altre religioni e per tutte le persone di buona volontà – ha sottolineato il cardinale Ayuso Guixot, presidente del Pontificio consiglio per il dialogo interreligioso – È la famiglia umana ad essere interpellata e coinvolta. C’è una lunga storia alle spalle di questo Documento fatta anche di dispute, alle volte violente, di pregiudizi e di contrapposizione. Sappiamo bene che la strada del dialogo interreligioso è stata spesso in salita e piena di ostacoli, ma stavolta si è voluto andare oltre. C’è un’urgenza dettata dall’attuale situazione mondiale che ha fatto mettere da parte pregiudizi, indugi e difficoltà”.
Un appello a tutti gli uomini di buona volontà è venuto dal Principe di Giordania El Hassan bin Talal. “La pace è possibile soltanto attraverso il sacrificio del sé. C’è un Dio onnipresente non confinato in un unico Credo – ha detto il Principe – Grazie all’incontro storico tra il sultano e Francesco oggi possiamo celebrare e coltivare la pace, ma dobbiamo continuare a lavorare insieme per il dialogo. E non dobbiamo privarci di nessuno strumento per promuoverlo, anche i Social, se ben utilizzati, possono dare un contributo. Siamo di fronte a un crocevia, o andiamo verso l’odio e la distruzione oppure verso il rispetto e la condivisione. L’Europa e i singoli paesi hanno un ruolo decisivo”.

E devono essere le città, a partire da Firenze, il cuore di un nuovo e concreto modo di vivere, dove l’alterità è ricchezza. Lo ha affermato con decisione il sindaco di Firenze Dario Nardella nel suo saluto e, aprendo la giornata, l’aveva già sottolineato la presidente dell’Opera di Santa Croce Irene Sanesi. “Con la Giornata della Fraternità Santa Croce si conferma luogo privilegiato del dialogo, cooperatrice di un rinnovato progetto di relazione tra i popoli e le fedi religiose. È il nostro tempo che ci chiede di costruire nuovi ponti, culturali e spirituali”, ha detto infatti la presidente dell’Opera di Santa Croce Irene Sanesi.

Ad animare il confronto, moderato dal vice presidente dell’Opera Alessandro Andreini, anche il prefetto di Firenze Laura Lega, padre Paolo Bocci, rettore della Basilica di Santa Croce, l’Imam di Firenze Izzedin Elzir, il prefetto Michele Di Bari, Capo dipartimento per le Libertà civili e l’Immigrazione del ministero dell’Interno, e Alessandro Martini, assessore ai Rapporti con le confessioni religiose del Comune di Firenze.

Il cardinale Giuseppe Betori, arcivescovo di Firenze, e padre Mauro Gambetti, custode del Sacro Convento di Assisi, hanno insistito sulla contemporaneità della spiritualità di Francesco d’Assisi, modello per l’uomo di oggi. Firenze città del dialogo è stata anche il tema dell’intervento di Giulio Conticelli, dell’Università degli Studi di Firenze e consigliere dell’Opera, che si è soffermato sulla profetica e concreta azione di Giorgio La Pira per il dialogo tra le religioni e tra i popoli del Mediterraneo a partire dalla fine degli anni ‘50.

Commenti

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*