A Prato 161 bambini non vaccinati, oltre mille nei territori dell’Ausl Toscana centro. «La prevenzione è tornata indietro di due secoli»

Sono oltre mille, per l’esattezza 1151, i bambini residenti nei territori serviti dall’Ausl Toscana centro che non hanno ricevuto nemmeno una dose di vaccino. Lo rende noto il Dipartimento della prevenzione dell’azienda che ha preso in esame tutti i nati dal 2014 al 2017 con una età compresa tra i 2 e i 6 anni. I piccoli non vaccinati rappresentano il 2,5% dei nati in quegli anni (45.503). A Prato il dato è leggermente più basso ma sempre alto: sono 161 su 8251 nati, ovvero l’1,95%.
Con queste percentuali “la prevenzione dalle malattie infettive è tornata indietro di oltre due secoli, ovvero prima della scoperta del primo vaccino (vaiolo 1798)”, sottolinea il dottor Giorgio Garofalo, direttore dell’area aziendale igiene pubblica dell’Ausl Toscana centro (leggi l’intervento del dottor Garofalo sul sito dell’Ausl).

Ecco nel dettaglio i dati di ciascuna area territoriale: a Firenze gli inadempienti sono 315 su 9610 nati, 50 nel Mugello (su 1636 nati), nell’area nord-ovest 160 (su 5768 nati) e nella sud est 152 (su 4508 nati). A Empoli sono 107 i bambini non vaccinati (su 6991 nati), mentre a Pistoia 137 (su 5236 nati). In Valdinievole gli inadempienti sono 69 (su 3503 nati).

Dall’Ausl fanno anche notare che la legge sull’obbligo vaccinale ha comunque prodotto i suoi effetti perché i bambini nati dal 2016 si vaccinano di più rispetto a quelli nati negli anni precedenti. Per alcuni vaccini è stato raggiunto il 95% della copertura, considerata la soglia minima per l’immunità di gregge. Per questo l’azienda sanitaria regionale invita i genitori a vaccinare i loro bambini recandosi dal proprio pediatra o nei centri vaccinali per garantire la loro sicurezza e quella degli altri.

1 Commento

  1. Genitori che sanno tutto sui telefonini ma niente per la salute dei propri figli. Incredibile

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*