Il vescovo Nerbini in visita alla sede della Pubblica Assistenza “L’Avvenire”. Il presidente Benelli: “Importante segnale per il nostro sodalizio”

Visita del Vescovo di Prato monsignor Giovanni Nerbini nella sede della Pubblica Assistenza “L’Avvenire” Prato. È la prima volta nella storia pluricentenaria dell’associazione di via San Jacopo che un vescovo incontra volontari, soci e dirigenti del sodalizio nella sede centrale dell’associazione. “Siamo orgogliosi di questo incontro – ha sottolineato il presidente Livio Benelli – perché rappresenta un segnale importante nel 120° anniversario dalla fondazione della nostra associazione. Ringrazio pertanto sia a titolo personale, sia a nome del Consiglio di Amministrazione, S.E. Mons. Nerbini per l’attenzione dimostrata nei nostri confronti. Si tratta di un’occasione importante e del riconoscimento dell’impegno profuso da tutti i volontari e i dirigenti che hanno lavorato, in passato come oggi, per la comunità pratese. L’Avvenire – continua Benelli – è un’associazione laica, composta da volontari di 40 nazionalità diverse, con sensibilità religiose differenti, ma ovviamente la maggior parte di volontari e dirigenti sono di religione cattolica. Di qui la grande attenzione e la soddisfazione che L’Avvenire prova di fronte a questa visita, intesa proprio come il riconoscimento di un’attività pluricentenaria rivolta in favore degli ultimi, dei bisognosi, di quanti si trovano in disagio sanitario o manifestano ogni sorta di difficoltà e che trovano un aiuto da parte della Pubblica Assistenza” conclude il presidente Benelli.

Commenti

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*