Sottopasso del Soccorso, la seconda complanare al Soccorso sarà pronta entro primavera FOTO

Iniziate le demolizioni per la realizzazione della seconda complanare al Soccorso. La viabilità alternativa propedeutica alla costruzione del sottopasso in viale Leonardo Da Vinci sarà completata entro la primavera del 2020, quando da via Roma si potrà arrivare direttamente in via Nenni bypassando la declassata. I cittadini stanno già usufruendo della prima complanare, quella che ha reso percorribile via Tasso fino a via del Purgatorio grazie all’esproprio del piazzale dell’autofficina.

 

 

La seconda complanare, con l’abbattimento di tre edifici produttivi (la stamperia è già stata demolita), collegherà via del Purgatorio a via Nenni. Le demolizioni per la seconda complanare saranno concluse entro Natale: rimarrà in piedi un unico edificio, che sarà adibito a rimessa della Protezione civile . Dopo questa data ed entro primavera, i lavori saranno finalizzati alla costruzione della strada, dei relativi sottoservizi e ad una rotonda che modererà il traffico in entrata e in uscita da via Nenni verso la strada di nuova realizzazione.

 

 

Il costo dei soli lavori per la seconda complanare ammonta a 740mila euro, più 1 milione e 700mila euro spesi per gli espropri delle aree di pertinenza privata. In totale per la viabilità alternativa, il Comune ha speso 4 milioni e 800mila euro. Intanto in questi giorni Anas ha fatto un sopralluogo per il tunnel: entro un mese da oggi presenterà il progetto definitivo al ministero perché sia sottoposto alla Valutazione di impatto ambientale. Il Ministero si prenderà tra i 6 e gli 8 mesi per emettere un parere con le eventuali prescrizioni. A seconda di quali e quante saranno, Anas potrà passare direttamente alla redazione del progetto esecutivo oppure dovrà rivedere il progetto definitivo. Nella prima, più ottimistica, ipotesi, sarà indetta una gara europea da 30 milioni di euro e, sempre nell’ottimistica ipotesi in cui non ci siano ricorsi, entro due anni sarà aperto il cantiere.

LS

Commenti

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*