Rifiuti tessili, parte con il piede giusto il tavolo al Ministero dell’Ambiente ma per le modifiche normative occorreranno mesi

Incontro iniziale e quindi necessariamente solo esplorativo, ma partito con il piede giusto: è questo il giudizio dato dalla delegazione di Prato ricevuta oggi al Ministero dell’ambiente dal dirigente Sergio Cristofanelli per l’apertura del tavolo tecnico sui rifiuti tessili. La costituzione del tavolo ha fatto seguito ai contatti a livello politico e alle numerose operazioni di sensibilizzazione effettuate nei mesi scorsi, congiuntamente, da Confindustria Toscana Nord, CNA Toscana Centro, Confartigianato Imprese Prato e Astri, i cui rappresentanti erano tutti presenti, oggi, all’incontro indetto dalla Direzione generale del Ministero.
L’obiettivo degli incontri di oggi è la modifica delle normative sull'”end of waste” e sui sottoprodotti tessili: la richiesta alle autorità nazionali è di introdurre semplificazioni che agevolino sia il riciclo degli abiti usati sia la qualifica di sottoprodotto per i residui di lavorazione del tessile.
Dalla delegazione ministeriale, guidata da Pierluigi Altomare e che si avvale anche delle competenze dell’ISPRA, è emersa la volontà di fare il possibile per semplificare il lavoro delle imprese.
Da parte della delegazione pratese sono state ripercorse le criticità dell’attuale normativa, trovando – è il giudizio dei partecipanti al tavolo – “interlocutori preparati con cui è stato possibile instaurare un colloquio proficuo”. Il Ministero dell’ambiente si è assunto l’impegno di esaminare la documentazione prodotta dalle associazioni pratesi e di verificarne la traduzione in termini di modifica normativa.
Pur con la massima disponibilità, è stato detto alla delegazione pratese, non sarà comunque possibile ridurre i tempi per la modifica delle norme “end of waste” a meno di 9-12 mesi; anche per i sottoprodotti l’orizzonte di riferimento è comunque di qualche mese. A questo primo incontro faranno seguito altri che saranno programmati, anche a Prato, nelle prossime settimane.

Commenti

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*