Supermercato abusivo nel capannone: scatta il sequestro. Multato il titolareFOTO

Un vero e proprio piccolo supermercato è stato scoperto e sequestrato dalla polizia municipale all’interno di un capannone di circa 200 mq in via delle Colombaie, a Iolo, di proprietà di un cittadino, ma gestito da un 23enne cinese, titolare di una ditta per il commercio all’ingrosso non alimentare in attività da alcuni mesi. In realtà il commerciante, in assenza di SCIA e di notifica sanitaria, non vendeva all’ingrosso ma al dettaglio e non solo prodotti non alimentari (tipo pentolame, piastre elettriche, lampadine, oggettistica per la casa, ferramenta ecc), ma anche e soprattutto prodotti alimentari sfusi e confezionati (pesce, riso, uova frutta, verdure e bevande), con un reparto macelleria dotato di attrezzature professionali specifiche per il taglio e la preparazione delle porzioni (sega a nastro, affettatrice, tritacarne ecc.).
Il negozio era organizzato con 4 celle frigo, 5 banchi frigorifero a pozzo di grandi dimensioni e due frigo a colonna. Durante il sopralluogo erano anche presenti alcuni clienti intenti ad acquistare la merce esposta, prezzata singolarmente, proprio come in un qualunque negozio di vicinato. Il negozio abusivo è stato sequestrato e il titolare sanzionato per complessivi 8 mila euro.

1 Commento

  1. Mi hanno insegnato che prevenire e sempre migliore che curare , Sappiamo che molti Cinesi , Pachistani ecc. Non conoscono le nostre leggi , molti di loro nemmeno la lingua Italiana , credo con fermezza che il permesso di soggiorno deve essere rilasciato solo dopo un attento controllo e valutazione , conoscenza della lingua Italiana , gli articoli principali della nostra costituzione , delle nostre tradizioni e concezione di sana convivenza. Ho notato personalmente come vengono fatti i controlli per rilasciare il permesso di soggiorno ,,, roba da ridere, ansi mi sono sbagliato,,, da piangere !!!

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*