Terminato il restauro del ritratto di Angiolina Riblet: l’opera collocata nella Galleria di Palazzo Comunale. Ecco quando si potrà vedere

Una nuova opera va ad arricchire la Galleria di Palazzo Comunale, dopo il restauro che è terminato in questi giorni: è “Il ritratto di Angiolina Riblet”, attribuito a Michele Gordigiani. Il dipinto è stato eseguito nel 1872 ed è stato donato al museo nel 2012, ma non è mai stato messo in mostra, perchè non era in buono stato di conservazione. Adesso è finalmente visibile e ci apre una finestra sulla vita della nobiltà di fine Ottocento. Il prossimo fine settimana, il 19 e il 20 ottobre, la Galleria Comunale sarà visitabile su prenotazione.

Il grande dipinto raffigura un’elegante signora vestita di un abito in taffettà azzurro: è Angiolina, moglie di August Riblet e nonna della Contessa Angela France Riblet Bargagli Petrucci. La donna è incinta di Fernand Riblet e si trova all’interno di un salone molto elegante, che viene descritto fin nei particolari.

LA DONAZIONE RIBLET Nel 2012 la Contessa Riblet ha donato questo dipinto insieme ad altre importanti opere, che sono in parte esposte al Museo di Palazzo Pretorio e in parte nella sala della Galleria di Palazzo Comunale dedicata alla Contessa Riblet, dove verrà collocato anche questo ritratto. Angela Riblet era figlia del pittore francese Fernand Riblet, che in gioventù fu allievo di Giovanni Fatttori, continuò i suoi studi a Parigi e divenne uno degli esponenti del Verismo francese. Aveva una collezione personale molto interessante che la Contessa ha donato al Museo insieme ad alcuni ricordi di famiglia.

LE VISITE Per vedere il nuovo dipinto e visitare la Galleria Comunale, il prossimo fine settimana, il 19 e il 20 ottobre, sono organizzate le visite guidate gratuite (alle 10 – 11,30 – 15 – 16,30).

Prenotazione obbligatoria al numero 0574 183 62 20 in orario 10/12.30 (dal lunedì al venerdì) e 15/17 (lunedì e giovedì) o visitepalazzocomunale@comune.prato.it

Commenti

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*