BuzziLab, interrogazione di Silli al ministro: “Quali e quanti danni? Chi paga?”

Il parlamentare di ‘Cambiamo!’ Giorgio Silli ha presentato un’articolata interrogazione al ministro dell’Università e della Ricerca al fine di “preservare l’eccellenza dell’Istituto Tullio Buzzi” e chiedere lumi sui danni creati dalla temporanea chiusura del suo laboratorio più importante. “La riapertura del BuzziLab – spiega il deputato pratese – è stata comunicata come una ‘grande vittoria’, ma si è verificato ciò che tutti temevamo. Il volume del lavoro è crollato, i clienti se ne sono andati altrove: -90% a settembre, sembra -70/75% a ottobre, rispetto ai 7 milioni di fatturato annui, come si evince dagli organi di stampa. I soldi che la scuola usava per attività didattica e manutenzione, che la ponevano ai vertici per il suo funzionamento e per la progettazione, non saranno più disponibili. Mi domando, qualora sia accertato il danno, chi si debba occupare di risponderne. Ho chiesto al ministro – chiude Silli – di aggiornarci sui dati di volume del lavoro del BuzziLab, perché temo che questo presidio di eccellenza, dopo lo stop, non possa più tornare all’antico (recentissimo) splendore”.

Commenti

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*