Eike Schmidt, direttore degli Uffizi: «Quando posso mi fermo a Prato per ammirare Donatello» VIDEO E FOTO

«Amo Donatello e quando riesco mi fermo a Prato per ammirarlo». Eike Schmidt, da poco confermato alla guida delle Gallerie degli Uffizi, è stato ieri sera ospite della conviviale del Rotary Club Filippo Lippi, alla Limonaia di Villa Rospigliosi. Accolto dal presidente Luca Santi, Schmidt ha spiegato ai soci rotariani il progetto in divenire dei «Grandi Uffizi» – un unico grande museo che ha collegato gli Uffizi, il Corridoio Vasariano, Palazzo Pitti e il Giardino di Boboli -, il cantiere di ampliamento delle Gallerie che terminerà nel 2024, l’aumento vertiginoso dei visitatori.

Intervistato dal nostro direttore Gianni Rossi, l’ospite ha raccontato delle sue visite a Prato, della sua passione per il pulpito del Duomo e, a sorpresa, dei tesori conservati nel Monastero di San Vincenzo.


Nel corso della serata, a cui hanno preso parte tra gli altri il sindaco Matteo Biffoni, l’assessore alla cultura Simone Mangani, l’assessore regionale al turismo Stefano Ciuoffo, la presidente del Centro Pecci Irene Sanesi, il presidente Santi ha consegnato al direttore Schmidt il «Paul Harris Fellow», la massima onorificenza del Rotary Club. Al termine ha portato il suo saluto il presidente del Consiglio regionale Eugenio Giani.

Commenti

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*