Festival Zipoli, doppio appuntamento per conoscere gli organi del Duomo e di San Giusto

Questo fine settimana si apre l’XI edizione del Festival Zipoli con i primi due appuntamenti in programma.
Sabato 23, alle ore 15, con l’Associazione Pratese Amici dei Musei, il pubblico potrà scoprire lo splendido organo di origine rinascimentale della Cappella del Sacro Cingolo in Duomo, con ogni probabilità suonato da Zipoli stesso. L’esperto organista Olimpio Medori, pratese di adozione, presenterà le caratteristiche tecniche e storiche del prezioso strumento su cui suonerà brani di Domenico Zipoli.
Domenica 24, alle 17, presso la Pieve di San Giusto in Piazzanese verrà presentato il doppio CD pubblicato da Elegia Records di Torino, contenente l’Opera Omnia per tastiera di Domenico Zipoli. Elegia Records prevedere di pubblicare in futuro l’intera Opera Omnia di Zipoli (8 CD) e questo è il primo passo dell’importante progetto. Nel doppio CD sono registrate le celebri Sonate d’Intavolatura per Organo e Cimbalo pubblicate da Zipoli a Roma nel 1716, ma anche i brani conservati in un manoscritto della Biblioteca Comunale di Macerata, attribuiti a Zipoli negli ultimi anni, e quelli conservati nell’Archivio Musicale di Concépcion in Bolivia, anche questi attribuiti al maestro pratese. La parte organistica è stata registrata sugli organi antichi della Cappella del Sacro Cingolo in Duomo e della Pieve di San Giusto, quest’ultimo risalente alla fine del Settecento.
Gli interpreti sono il pratese Gabriele Giacomelli, organista apprezzato a livello internazionale e il torinese Andrea Banaudi, cembalista apprezzato sia in Italia che all’estero. Il critico di Amadeus e di Repubblica Gregorio Moppi – che in passato si è più volte dedicato a Zipoli – condurrà l’evento, mentre Gabriele Giacomelli suonerà alcuni brani di Zipoli all’antico organo della pieve e il Gruppo Corale di S. Maria a Colonica diretto da don Romano Faldi eseguirà alcuni canti gregoriani alternati ai Versetti organistici di Zipoli, secondo la prassi dell’epoca.

 

Commenti

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*