Licenziato per aver parlato male della ditta sulla chat dei colleghi: il giudice lo reintegra

Una sentenza del tribunale del lavoro di Firenze ha disposto il reintegro di un operaio pratese, dipendente di un’azienda d’abbigliamento del fiorentino, licenziato un anno fa per aver apostrofato in maniera colorita altri colleghi su una chat di gruppo di Whatsapp. L’operaio era contrariato dalla promozione di altri suoi colleghi e aveva per questo inviato un messaggio vocale in una chat che raggruppava alcuni di essi. Assistito legalmente dalla Femca Cisl di Firenze e Prato, che ha diffuso la notizia, il dipendente si era visto convocare e licenziare perché il messaggio vocale era stato inviato da uno degli utenti della chat ai vertici aziendali. L’operaio dovrà ora decidere se accettare il reintegro in azienda. “Questa sentenza ha un valore straordinario perché sancisce il diritto alla privacy e disconnessione del lavoratore in un mondo del lavoro sempre più connesso” spiega Mirko Zacchei, segretario della Femca Cisl di Prato. L’azienda, secondo quanto riferiscono gli avvocati dell’operaio, ha annunciato di voler ricorrere in appello.

Commenti

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*