Lotta al bracconaggio: sequestrate trappole per la cattura di fauna selvatica, fucili e munizioni

Sono quattro gli interventi – due nel comune di Carmignano e due nel comune di Vaiano – che in pochi giorni hanno visto impegnati gli agenti della Polizia provinciale nella lotta alle attività di caccia illegali.

A Carmignano, in località Poggio la Malva, è stata denunciata alla Procura della Repubblica di Prato una persona che aveva posizionato all’interno del suo terreno due grosse trappole in ferro dotate di un meccanismo a scatto per la cattura di animali selvatici. Le trappole sono state sequestrate e l’uomo è stato denunciato. Sempre a Carmignano, in località Seano, è stato denunciato un cacciatore che aveva abbattuto della selvaggina, nello specifico una “Tortora dal collare” e gli sono stati sequestrati sia il fucile da caccia sia le munizioni. A Vaiano, in località Case Serilli, un cacciatore è stato sorpreso ad abbattere alcuni esemplari di specie vietate (fringuelli), anche in questo caso è scatttata la denuncia per esercizio di caccia su specie non consentite e sono stati sequestrati il fucile da caccia e le munizioni. Sempre a Vaiano, in località Collina, un altro cacciatore è stato denunciato per omessa custodia di armi e munizioni; anche in questo caso sono stati sequestrati il fucile da caccia e le munizioni.

“Voglio ringraziare tutti gli agenti -commenta il presidente della Provincia Francesco Puggelli – per il costante impegno che ogni giorno mettono nel controllo del nostro territorio. Le competenze del corpo di polizia provinciale sono numerose e – come vediamo proprio in questo caso -, impattano da vicino sulla vita quotidiana di noi cittadini. Non mi stancherò mai di ripeterlo, un grazie anche a coloro che ci segnalano le varie criticità e ci aiutano nell’indirizzare i controlli, un aspetto davvero importante specialmente quando si tratta di sorvegliare aree vaste e periferiche.”

Si ricorda che è possibile inoltrare segnalazioni al numero di telefono 337-317977 o attraverso il sito internet della Provincia di Prato.

Commenti

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*