Montemurlo, 120 mila euro per l’efficientamento energetico della scuola Malaguzzi e della Sala Banti

Il Comune di Montemurlo ancora una volta dimostra la propria attenzione verso l’ambiente, investendo sull’efficientamento energetico di importanti edifici pubblici. Da qualche giorno infatti sono partiti i lavori per la sostituzione del generatore di calore della scuola dell’infanzia “Loris Malaguzzi” di Novello (via Rosselli) e della pompa di calore del teatro della Sala Banti. In tutto, il progetto di sostituzione dei vecchi impianti di riscaldamento con tecnologie a risparmio energetico ammonta a 120 mila euro, opere finanziate per 90 mila euro con risorse derivanti dal Decreto Legge “Misure urgenti di crescita economica e per la risoluzione di specifiche situazioni di crisi”, meglio conosciuto come Decreto Crescita, e per i restanti 30 mila euro a carico di Consiag Servizi Comuni, partecipata del Comune di Montemurlo e quindi con fondi dell’ente.

Nel dettaglio il progetto prevede la sostituzione della pompa di calore e varie opere di miglioramento sul sistema di distribuzione dell’aria della Sala polivalente “Cristiano Banti” (nella foto in evidenza, l’esterno), annessa al Palazzo Comunale, per un costo di circa 50 mila euro . Il vecchio impianto sarà cambiato attraverso l’installazione di una nuova pompa di calore reversibile, raffreddata ad aria. Alla scuola dell’infanzia Malaguzzi, invece, l’intervento prevede la sostituzione del generatore di calore con nuovo generatore modulare a condensazione per un costo di circa 46 mila euro. I fondi, erogati dal Ministero per lo sviluppo economico, serviranno quindi per migliorare l’efficienza energetica degli impianti di riscaldamento di due importanti edifici pubblici, ridurre le emissioni in atmosfera e migliorare il comfort termico, tenendo allo stesso tempo più bassi costi in bolletta. Gli interventi sono svolti, per conto del Comune di Montemurlo, da Consiag Servizi Comuni e saranno conclusi a breve.

«Per il Comune di Montemurlo il tema ambientale è fondamentale per garantire la qualità della vita. – sottolinea il sindaco Simone Calamai– Da tempo l’amministrazione comunale è impegnata nell’efficientamento energetico dei nostri edifici pubblici. Proprio lo scorso maggio abbiamo inaugurato il nuovo impianto d’illuminazione della scuola primaria “Anna Frank” di Oste, che in poco tempo ha portato a registrare risultati “eccezionali” con un risparmio in termini energetici pari al 75 % (72.799 kWh/anno). Con la sostituzione del generatore della scuola di Novello e della pompa di calore della Sala Banti proseguiamo sulla strada dell’attenzione verso il risparmio di risorse naturali, della qualità dell’aria e della battaglia contro il riscaldamento globale». E sempre in tema di lotta all’inquinamento, a fine ottobre scorso il sindaco Simone Calamai ha firmato un’ordinanza per la qualità dell’aria che prevede che dal 1 novembre al 31 marzo 2020 il divieto di accensione fuochi e bruciare all’aperto residui vegetali, sfalci e potature nelle zone che si trovano a quota inferiore di 200 m sul livello del mare, quindi tutta la zona pianeggiante del Comune di Montemurlo.

L’ordinanza del sindaco contiene una serie di raccomandazioni e consigli per ridurre l’inquinamento atmosferico. È consigliabile non utilizzare legna in caminetti aperti e/o stufe tradizionali a legna a meno che questi non siano l’unica fonte di riscaldamento dell’abitazione e con l’esclusione delle aree non metanizzate. Tra gli altri comportamenti virtuosi per ridurre le emissioni di materiale particolato è bene contenere i consumi energetici, evitando inutili sprechi, nella gestione degli impianti di riscaldamento (attraverso una corretta regolazione degli orari di accensione, il controllo della temperatura massima, la corretta gestione degli accessi ai locali pubblici e esercizi commerciali, ecc.)

Commenti

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*