Piscina riabilitativa e palestra per la boxe: nel migliore dei casi servirà un altro anno

Se tutto procede senza intoppi la piscina riabilitativa di via Roma dovrebbe essere pronta per la fine del 2020. Strada più incerta, invece, per la palestra della boxe. In commissione lavori pubblici si è fatto il punto sui due progetti, cominciando dalla piscina riabilitativa. Il cantiere attualmente è sospeso e non riprenderà prima di gennaio, quando si ricomincerà con lo scavo per le fondamenta della struttura. I pesanti ritardi sulla tabella di marcia sono da imputare ad imprevisti emersi durante lo scavo. Nel sottosuolo c’erano infatti cavi e tubi di vari sottoservizi che è stato necessario bypassare, così come si dovrà tombare il pozzo di Publiacqua ormai in disuso.
Il progetto, lo ricordiamo, prevede una vasca riabilitativa con tre diverse altezze e un edificio nuovo con una palestra e una terrazza per le attività di riabilitazione all’aperto.
Diversa la questione per la palestra della boxe che dovrebbe sorgere all’interno dell’impianto sportivo di atletica a Chiesanuova. Il progetto illustrato in commissione ha sollevato numerosi dubbi e perplessità dei commissari. E’ stato infatti previsto un unico spogliatoio e sole 3 docce. Bisognerà quindi ovviare al problema prevedendo anche uno spogliatoio per le donne e altre docce. Intoppi che faranno inevitabilmente slittare in avanti i tempi per la realizzazione, che anche nella migliore delle ipotesi non dovrebbe avvenire prima di fine 2020.

Commenti

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*