Gara del trasporto pubblico locale, la Regione sospende il trasferimento dei beni in attesa della sentenza del Consiglio di Stato

Notizie confortanti per Cap: la Regione ha sospeso il calendario del trasferimento di beni ad Autolinee Toscane nell’ambito della gara regionale per il Tpl, in attesa della sentenza del Consiglio di Stato. Una decisione che arriva dopo la prima proroga concessa qualche settimana fa: l’orizzonte temporale, fissato al 10 dicembre, risulta quindi superato. Lo slittamento o meglio il “congelamento”, reso possibile anche grazie al pressing degli amministratori locali, è stato definito “di buon senso”, sia dal sindaco Matteo Biffoni che dal presidente del Consiglio regionale Eugenio Giani, ora candidato del Pd in vista delle regionali 2020.

La notizia è emersa nel corso della cerimonia finale di CapAcademy, la scuola per il trasporto pubblico promossa da Cap. 14 i giovani che hanno preso parte alla prima edizione della scuola e che sognano di diventare autisti di linea o manutentori.

Dopo 6 mesi di tirocino, tra giornate in aula e prove sul campo, si è chiuso il percorso formativo per i primi studenti dell’accademia, che hanno avuto la possibilità di mettersi in gioco su diversi fronti: dalla biglietteria all’Urp, dall’officina alle verifiche, dall’ufficio movimento all’ufficio noleggio. La consegna dell’attestato finale, alla presenza delle istituzioni, segna un traguardo personale prezioso.

L’esperienza di CapAcademy sarà ripetuta anche nei prossimi anni e fa già da modello per CTTAcademy, che ha preso il via in queste settimane nei territori di Lucca e Livorno.

Gli allievi pratesi hanno intanto iniziato a intraprendere l’iter per conseguire i titoli per l’accesso alla professione, tra cui la patente D. Il prossimo anno Cap avrà necessità di nuove figure: per questi ragazzi potrebbero aprirsi nuove opportunità di lavoro.

Commenti

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*