Terremoto, in Vallata oltre 300 chiamate alla Protezione civile. I sindaci: “Grazie ai cittadini e a coloro che ci hanno aiutato”

In Val di Bisenzio la sala operativa di Protezione civile dei tre Comuni resterà aperta anche per tutta la giornata di oggi. Intanto i sindaci – Bongiorno, Bosi e Morganti – ringraziano “tutti coloro che hanno lavorato con generosità per affrontare l’emergenza di ieri e i cittadini che hanno reagito con responsabilità e spirito di solidarietà”.

Sono oltre trecento le chiamate arrivate al numero di emergenza della Protezione civile della Vallata dalle prime ore di ieri mattina. E mentre la paura per la terribile scossa sismica delle 4,37 lunedì è ancora nella mente di tutti, gli uomini dei Vigili del fuoco, i tecnici dei Comuni e un gruppo di professionisti dell’Associazione geometri della protezione civile sono al lavoro per controllare edifici ed abitazioni. Oltre cento le telefonate con richieste di sopralluogo arrivate al numero di emergenza della Protezione civile, molte altre hanno raggiunto il centralino del comando dei Vigili del fuoco. Nel pomeriggio di oggi già oltre l’80 per cento delle richieste è stata soddisfatta. Dai sopralluoghi sono emerse criticità: sono state riscontrate soltanto piccole crepe e distacchi di intonaco che non mettono in discussione in alcun modo la stabilità degli edifici. Dalla sala di Protezione civile arriva l’invito a richiedere interventi soltanto in caso di necessità, anche per non impegnare il personale dei Vigili del fuoco che può essere utile nei Comuni del Mugello.

Ma torniamo ai ringraziamenti dei sindaci. “Come sempre è stata dimostrata grande professionalità e spirito di servizio – affermano Bongiorno, Morganti e Bosi -. Ringraziamo la gente della Val di Bisenzio che alla difficoltà ha reagito con compostezza e grande capacità di solidarietà”. L’elenco dei soggetti da ringraziare è lungo: prima di tutto gli uomini dei Vigili del Fuoco, il personale dei tre Comuni, i volontari della Protezione civile e quelli dell’Associazione geometri, Carabinieri e Polizia municipale, Carabinieri in congedo, Croce Rossa, Misericordia e Pubblica assistenza.

Commenti

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*