Aggressione a colpi di mannaia in via Marini, parla la vittima: “Incredibile che il responsabile possa tornare presto in libertà”

“Ho avuto paura e mi auguro che a nessuno ricapiti quello che è successo a me, perché nonostante tutto mi è andata bene”. Comincia così il racconto dell’uomo che il 9 gennaio è stato vittima di un’aggressione a colpi di mannaia in via Marini. A distanza di alcuni giorni, con addosso ancora i postumi fisici e psicologici, l’uomo – un noto commerciante – ha voluto raccontare la sua vicenda per lanciare un appello: “Ho parcheggiato lo scooter in via Marini per fare alcune telefonate e rispondere a messaggi e mail quando improvvisamente mi si è avvicinato un cinese che era seduto lì vicino – racconta l’uomo – mi ha chiesto più volte “chi sei e cosa ci fai qui?”, cercando di prendermi il cellulare per guardare chi stavo chiamando, poi ha provato a rovistare nel marsupio. Forse mi ha scambiato per qualcun altro. Gli ho detto di smettere o avrei chiamato la polizia, ed è a quel punto che ha tirato fuori la mannaia da sotto la giacca e mi ha colpito sulla testa. Per fortuna indossavo il casco, ma il colpo è stato forte. Preso dallo spavento ho rimesso in moto lo scooter e sono fuggito qualche metro più avanti. L’aggressore mi ha rincorso, io ero in preda al panico e sono caduto. Quando mi ha raggiunto ha cominciato a prendermi a calci. Chiedevo aiuto, ma dei tanti passanti nessuno si è fermato. Solo una ragazza italiana, molto coraggiosa, è intervenuta in mio aiuto. Poco dopo un altro uomo è arrivato in soccorso, facendo allontanare l’aggressore. Quando è arrivata la polizia sono serviti 6 agenti per portarlo via”. Poi il racconto fa spazio alla delusione e all’appello alla giustizia.
“C’è il rischio che quest’uomo tra pochi giorni possa essere scarcerato e che quindi possa nuovamente aggredire qualcuno senza motivo. Di fronte a casi simili la giustizia dovrebbe essere più severa”.

1 Commento

  1. Potra’ anche essere scarcerato, ma la mannaia, quella almeno,gliela avranno certamente sequestrata

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*