Al via i saldi invernali. Confcommercio: “Buone le aspettative nella provincia di Prato”

C’è grande attesa per l’avvio dei saldi invernali fissato per la giornata di sabato 4 gennaio, a Prato e in tutta la Toscana.  Un’opportunità, quella delle vendite di fine stagione che, ogni anno, permette ai consumatori di acquistare i propri capi preferiti a prezzi ribassati. Secondo le stime dell’Ufficio Studi di Confcommercio Imprese per l’Italia, i saldi interesseranno 15 milioni di famiglie italiane che spenderanno in media 324 euro (140 euro pro capite), in linea con lo scorso anno.

Buone le aspettative degli imprenditori pratesi che, a seguito di un periodo natalizio piuttosto calmo, attendono con fermento l’inizio dei saldi invernali. A dirlo è la ricerca svolta dal Sindacato Federmoda di Prato in tutto il territorio provinciale, dove i consumatori potranno trovare un’ampia scelta di prodotti con percentuali di sconto a partire dal 20-30%. Si riconfermano i capi invernali come cappotti, piumini e maglioni quelli più richiesti dalla clientela, che avrà ancora a disposizione –complici le alte temperature autunnali – un vasto assortimento di colori e modelli.

Quanto alle modalità di comunicazione delle promozioni, saranno senza dubbio i social network – in particolare Facebook e Instagram – a rappresentare il principale canale pubblicitario scelto dai negozianti durante il periodo dei saldi.

“C’è grande attesa per la riuscita di questi saldi di fine stagione – afferma Alessandra Coppini, presidente Federmoda Prato. – Dopo un periodo natalizio abbastanza tranquillo e viste le alte temperature che hanno caratterizzato la stagione autunnale, sono tanti i capispalla disponibili nei negozi. I consumatori avranno quindi l’opportunità di acquistare i capi generalmente più costosi ad ottimi prezzi. Dall’altra parte la decisione di far iniziare le vendite pochi giorni dopo il Natale ci penalizza e crea in genere un po’ di confusione tra la clientela riguardo a cambi e resi. Mi auguro, quindi, che il lavoro portato avanti finora dalla Federazione Moda Italia riesca a far posticipare l’avvio dei saldi il prossimo anno. Intanto puntiamo sulle vendite di gennaio, con l’auspicio che possano portare un bilancio positivo in tutta la provincia” conclude Coppini.

Commenti

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*