Commozione e lacrime per l’ultimo saluto a Roberta Betti: “Il teatro Politeama continuerà a vivere nel suo nome”

L’intera città si è stretta per l’ultima volta attorno al feretro di Roberta Betti. Questo pomeriggio, in Duomo, le istituzioni ma anche gli amici, i conoscenti e cittadini comuni, hanno voluto salutare, insieme alla famiglia, una delle paladine della cultura e dello spettacolo pratese.

Piena di energia, sincera e graffiante come solo lei sapeva fare, Roberta Betti è stata per tutti un faro e un esempio, come ha sottolineato il parroco della Cattedrale, don Luciano Pelagatti, che ha tenuto l’omelia delle esequie, concelebrate insieme al vicario generale della Diocesi, monsignor Nedo Mannucci. Presente anche una rappresentanza delle Pagliette del Buzzi.

I vescovi emeriti Gastone Simoni e Franco Agostinelli e l’attuale vescovo Giovanni Nerbini, hanno inviato un messaggio di vicinanza e cordoglio ai parenti.

I funerali sono stati preceduti, questa mattina, da una commovente cerimonia pubblica in quella che per anni è stata la vera casa di Roberta: il teatro Politeama Pratese. Tanti gli interventi sul palcoscenico su cui, grazie alla sua tenacia, in questi vent’anni dalla riapertura sono saliti artisti internazionali e giovani talenti.

Il sindaco Matteo Biffoni non è riuscito a trattenere le lacrime, sottolineando l’incredibile passione che ha sempre guidato Roberta e a cui Prato deve moltissimo. L’obiettivo, per tutti, è adesso guardare al futuro, cercando di portare avanti la missione del teatro come Roberta avrebbe voluto. Un teatro aperto, libero, inclusivo.

La cerimonia si è aperta e chiusa con due immagini significative: prima il cielo azzurro che sbuca dalla cupola del teatro, poi le struggenti note dell’Hallelujah, intonate dai ragazzi della scuola di musical Arteinscena. Il corpo di Roberta Betti riposerà al cimitero della Misericordia.

1 Commento

  1. Se ne va una grande persona, se il Politeama ed il Teatro in genere, è sopravvissuto nella nostra città lo si deve a Lei..
    Mi dispiace davvero..

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*