Fisco senza più segreti per gli studenti grazie alle lezioni dei commercialisti

Riparte dagli istituti Paolo Dagomari e Francesco Datini il Progetto scuola 2020 dell’Ordine dei Commercialisti che ha lo scopo di mostrare da vicino ai ragazzi come funziona il rapporto tra cittadini e fisco. L’Ordine pratese ha stretto un vero e proprio patto con la scuola: dal 2018 una squadra di commercialisti, in collaborazione con gli insegnanti, sale in cattedra per spiegare ai bambini delle elementari e ai ragazzi delle superiori perché si pagano le tasse. È un’esperienza positiva per tutti., sono oltre mille i bambini e i ragazzi che hanno partecipato all’iniziativa.

E mentre il progetto riparte al Dagomari e al Datini, l’Ordine dei commercialisti lancia un appello a dirigenti e insegnanti dei diversi istituti per attivarsi e avviare la collaborazione. Il progetto, si inserisce nella scelta fatta dall’Ordine di svolgere un ruolo di servizio nella comunità locale. Questa mattina l’iniziativa è stata presentata all’Istituto Dagomari. Insieme alla dirigente Maria Gabriella Fabbri e alla professoressa Gianna Cecchi c’erano il presidente dell’Ordine, Filippo Ravone, e i commercialisti Marco Ciabatti e Paola Santoni, che coordinano l’attività negli istituti superiori e alle scuole elementari. Quest’anno partirà anche un progetto specifico per le scuole medie inferiori. Al Dagomari sono coinvolte sei classi – un centinaio di ragazzi in tutto – per un totale di 20 ore. Negli incontri si approfondiranno temi come la dichiarazione dei redditi, il modello 730, e il rapporto con il proprio commercialista. Al Datini il progetto vede protagoniste le classi quarte e le quinte e circa 150 studenti. L’Ordine e i professionisti che ne fanno parte sono impegnati, da tempo, anche sul fronte della collaborazione con le scuole per l’alternanza scuola lavoro. In particolare la collaborazione si è sviluppata con il Dagomari e con il Copernico. Al Dagomari su questo fronte hanno lavorato con 14 classi e 140 studenti, accogliendo nei loro studi per stage formativi 63 studenti in due anni. L’Ordine dei Commercialisti di Prato ha attivato il Progetto scuola a partire dal 2018. L’obiettivo è quello di offrire un’opportunità formativa specifica, approfondendo temi che devono far parte del bagaglio culturale di ogni cittadino consapevole: dal ruolo del commercialista agli adempimenti per mettere in piedi un’impresa, dal sistema tributario alle regole del fisco, dalla cedolare secca alle successioni, dalle compravendite alle dichiarazioni dei redditi. Negli anni scorsi sono stati coinvolti anche l’Istituto Gramsci-Keynes – dove quest’anno i Commercialisti svolgeranno attività di orientamento con le classi quinte – e il liceo scientifico Copernico.

Tasse? Me le racconta il commercialista. È il titolo del simpatico volumetto a fumetti con cui i commercialisti si presentano ai bambini delle quarte e delle quinte elementari per spiegare perché è giusto pagare le tasse. E’ stato messo a punto dall’Ordine di Torino e condiviso con quello di Prato. Agli alunni vengono spiegati il valore e i benefici della legalità fiscale, educandoli a diventare cittadini attivi che controllano l’operato di chi amministra il bene pubblico e combattono l’evasione fiscale.  Con parole adatte ai più piccoli si parla di diritti e di doveri, di tasse e di come si pagano, di nomi difficili come Irpef, Imu e Iva. Nel corso del 2019 sono stati coinvolte le classi delle elementari De Andrè, Salvo D’Acquisto e Cuore di Maria Immacolato a Prato e – in Val di Bisenzio – di Vaiano, Carmignanello e La Briglia.

Commenti

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*