Gara tpl, riparte il percorso: la Regione programma incontri in tutte le Province

La Regione va avanti con il percorso verso l’affidamento del servizio di trasporto pubblico locale. Dopo la sentenza del Consiglio di Stato – che lo scorso 11 dicembre ha ribadito la legittimità e la correttezza della gara – stamani a Firenze si è riunita la Conferenza permanente degli enti locali, convocata dall’assessore regionale alle infrastrutture Vincenzo Ceccarelli. Nel corso dell’incontro – a cui erano presenti i rappresentanti di tutte le Province, della Città Metropolitana di Firenze, dei Comuni capoluogo e delle altre amministrazioni comunali interessate (per Prato c’erano il sindaco Matteo Biffoni e l’assessore Flora Leoni) – Ceccarelli ha illustrato il percorso da seguire, le scadenze e le problematiche da affrontare. L’obiettivo della Regione è quello di limitare al più breve tempo possibile il ricorso ad obblighi di servizio. Ricordiamo che il contratto-ponte con gli attuali gestori (Mobit, fra cui Cap) è scaduto con il 2019 e che fino al 31 gennaio prossimo è in vigore un regime di obbligo di servizio, che dovrà essere gioco forza rinnovato per dar modo di consentire il passaggio di beni e personale ad Autolinee Toscane, l’azienda controllata dalla francese RATP che si è aggiudicata la gara. Una fase complessa che interessa oltre 5000 dipendenti, 2900 autobus e una lunga lista di beni immobili. Senza dimenticare che il 26 febbraio è fissata l’udienza del Tar in cui si discuterà il nuovo ricorso di Mobit, che contesta anomalie che sarebbero presenti anche nel nuovo piano economico finanziario dei rivali.
Nel frattempo, per gestire questa delicata fase e affrontare nel dettaglio le tematiche relative a ciascuna area, la Regione ha programmato un ciclo di incontri che toccherà tutte le province.
Le riunioni si terranno tra il 22 ed il 29 di gennaio, in modo da avere un quadro completo e aggiornato delle esigenze del territorio prima della conclusione dell’obbligo di servizio attualmente in essere. A Prato l’incontro è stato fissato per mercoledì 29 gennaio, alle ore 15, è si terrà con tutta probabilità in Provincia. La riunione di stamani si è conclusa con l’impegno ad una futura prossima convocazione, nel corso della quale fornire elementi ulteriori e un cronoprogramma per gli atti che dovranno essere compiuti.

Commenti

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*