Tribunale, il personale dichiara lo stato d’agitazione: si va verso lo sciopero. Malucchi (Fp Cgil): “Lavoratori allo stremo delle forze”

Potrebbe presto sfociare in uno sciopero, lo stato di agitazione del personale amministrativo giudiziario del Tribunale di Prato, approvato con l’ok dei 34 operatori presenti all’assemblea della FP CGIL. Il sindacato di piazza Mercatale ha quindi ricevuto il mandato per l’indizione dello stato di agitazione del personale, che potrebbe portare gli addetti ad incrociare le braccia qualora il tentativo di raffreddamento del conflitto in Prefettura dovesse andare a vuoto.

Le cause della mobilitazione, ripete il segretario generale della FP CGIL Sandro Malucchi, sono ormai note: la carenza di organico che da tempo non permette agli operatori di giustizia pratesi di lavorare in sicurezza. “I lavoratori operano allo stremo delle forze”, afferma Malucchi. Mancanza di mezzi e persone, già espressa dalla Corte di Appello e dal Consiglio superiore della Magistratura al Ministero della Giustizia nel 2016 e che è stata ribadita a più livelli nel corso degli ultimi anni. “Anche per il Procuratore della Repubblica – incalza Malucchi – Prato soffre del sottodimensionamento della pianta organica dei magistrati e del personale amministrativo, assolutamente inadeguato per la competenza territoriale assegnatali: una popolazione di circa 273.985 abitanti, comprensivi degli abitanti di Calenzano, che pur appartenendo alla Provincia di Firenze, fa giurisdizionalmente parte del territorio pratese”.

“Auspichiamo buone nuove dall’incontro previsto per il 23 gennaio prossimo, a Prato, tra le autorità locali e il sottosegretario alla giustizia Giorgis. In assenza delle quali – prosegue il sindacato – alzeremo il tono della protesta, a tutela della giustizia, del lavoro, della città”.

Attualmente in pianta organica vi sono 9 magistrati, 1 procuratore e 8 sostituti procuratori , oltre a 27 unità di personale amministrativo, 20 in effettivo servizio.

Commenti

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*