Giornata del Malato, il Vescovo in visita all’ospedale e Messa alla Madonna dell’Ulivo

 Come ogni anno, anche a Prato, si organizzano alcune iniziative per la Giornata mondiale del Malato, che si celebra l’11 febbraio, anniversario dell’apparizione della Madonna a Bernadette nella grotta di Lourdes.

Domani, martedì 11, giorno della ricorrenza, il vescovo Giovanni Nerbini a partire dalle 10 visiterà i degenti in alcuni reparti dell’ospedale e nel pomeriggio, alle 15,30, presiederà la messa nella chiesa della Madonna dell’Ulivo, in via delle Fonti, angolo via Zarini. Alla celebrazione eucaristica partecipano anziani e disabili accompagnati dalle organizzazioni di volontariato cittadine coordinate dall’Unitalsi.

Infine, sabato 15 febbraio, alle 16, nei locali della parrocchia di Capezzana è in programma una riflessione spirituale per gli operatori di pastorale sanitaria, guidata dal parroco e cappellano dell’ospedale don Carlo Bergamaschi.

1 Commento

  1. Qualsiasi cosa vi dica fatela(dal Vangelo di Giovanni). Questa frase da l’inizio alla vita pubblica di Gesù durante le nozze avvenute a Cana di Galilea dove venne invitato Gesù con sua madre e i suoi discepoli. Quando venne a mancare il vino Maria si rivolge al figlio dicendo di provvedere ma lui gli risponde così: “Che ho da fare con te o donna? Non è giunta ancora la mia ora”. Con questa risposta Gesù lancia una forte provocazione ma in realtà sapeva benissimo quando doveva giungere il suo momento ma non voleva esporlo pubblicamente. Quelle parole furono il tema della XXIV Giornata Mondiale del Malato quando c’era ancora il “Giubileo Straordinario della Misericordia”. La presenza del Vescovo in ospedale nei vari reparti di medicina, geriatria e ostetrica è stato un forte segnale perchè sia i malati e lo staff tecnico hanno potuto parlare col Nuovo Vescovo che non conoscono ancora bene perchè arrivato a Settembre anche se il tutto si è svolto questo pomeriggio alle 15:30 presso la Chiesa della Madonna dell’Ulivo dove il Presule ha celebrato la Santa Messa insieme al Parroco Don Dario Sobkowicz, al Parroco di Migliana Don Luigi D’Arco in quanto Assistente Spirituale dell’UNITALSI, Don marco Locati Parroco di Vaiano e animata da alcuni seminaristi con la Corale di San Francesco. Alla messa erano presenti alcune autorità civili e politiche come il Prefetto Alessio Cesareo e il Vicesindaco della città nonchè Assessore alle Politiche Sociali Luigi Biancalani. Tutti potevano prendere parte a questa Celebrazione Eucaristica anche se è stata detta soprattutto per i malati accompagnati dalle rispettive associazioni di volontariato come l’UNITALSI, la Misericordia di Prato, la Croce d’Oro e la Pubblica Assistenza. Nell’Omelia Monsignor Giovanni Nerbini ha parlato della figura di Santa Bernardette Soubirous vissuta soltanto 35 anni ma non ebbe una vita facile in punti sensi: sia quando riceveva le apparizioni così come quando si trasferì nel convento di Nevers dove passò il resto della sua vita dovendo scontrarsi con tutto ma sempre animata dalla grande fede che non ha mai rinnegato così come quando era malata. Pativa, soffriva, offriva tutto al Signore senza lamentarsi raggiungendo così la sua grandezza. Quindi andiamo con gioia incontro al Signore cercando di trovare ristoro e conforto così che il cuore vegli con Cristo e il corpo riposi nella pace

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*