Il Prato in trasferta in cerca di riscatto e punti sul terreno del Vado

Dove vado ?…A Vado. Scioglilingua a parte, il Prato è atteso domani con inizio alle ore 14,30 dalla trasferta sul campo del Vado. Una sfida delicata per la compagine biancazzurra reduce dal beffardo pareggio casalingo con il Bra. La squadra di Vincenzo Esposito cerca l’immediato riscatto per rimanere a ridosso in classifica della capolista Lucchese. Al “Chittolina” di Vado, dove il Prato giocherà per la seconda volta nella stagione, in precedenza aveva affrontato sul terreno sintetico della località ligure il Savona, la squadra laniera affronterà il Vado attestato in piena zona play out. I liguri sono una delle società più battute del campionato dovendo annotare dodici sconfitte rimediate in ventiquattro gare di campionato. Numeri e classifica parte, il Prato farà bene a non fidarsi di una squadra che nell’ultima giornata di campionato ha espugnato il terreno del Fossano mostrando segnali di crescita e di ripresa. Insomma un’altra partita ad alto rischio per la formazione biancazurra. Per quanto riguarda il situazione in casa Prato, da annotare il recupero di Tomi che tornerà a disposizione del tecnico laniero, mentre ha ripreso a correre l’attaccante Cellini che non sarà disponibile per la trasferta ligure. In ripresa anche il centrocampista Toccafondi che ha ripreso ad allenarsi in maniera differenziata. Assente anche il lungodegente Fofana. Per quanto riguarda la formazione da mandare in campo al “Chittolina” di Vado, il tecnico Vincenzo Esposito dovrebbe proporre Bagheria in porta, difesa a tre con Giampà, Gentili e Bassano. A centrocampo Tomi e Regoli larghi sulle fasce con Carli e Gargiulo in interdizione e Banegas schierato a ridosso delle due punte Surraco e Fanucchi. Il Prato a Vado cerca i tre punti per mantenersi a stretto ridosso della capolista Lucchese attesa dalla sfida casalinga con il fanalino Ligorna. Insomma il Prato non potrà dire Vado come… Vado, la classifica non glielo permette: e non è una questione di scioglilingua

Commenti

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*