Nuova pista di Peretola, Toscana Aeroporti non si arrende. Il Cda: “Avanti con gli atti necessari per realizzare il progetto”

Il Consiglio di Amministrazione di Toscana Aeroporti S.p.A., riunitosi oggi sotto la Presidenza di Marco Carrai, ha preso atto e esaminato il contenuto delle sentenze del Consiglio di Stato che hanno respinto i ricorsi presentati, tra gli altri, dal Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, dal Ministero per i Beni Culturali, dell’Enac, dal Comune di Firenze, dalla Regione Toscana, dalla Città Metropolitana di Firenze e da Toscana Aeroporti stessa in merito alla sentenza del TAR del 27 maggio 2019, che aveva annullato il decreto di VIA con cui era stata autorizzata la realizzazione della nuova pista e dunque l’ampliamento dello scalo di Peretola.

“Nella piena consapevolezza della necessità dell’Aeroporto di Firenze di dotarsi di una nuova pista e di un nuovo terminal per rispondere alle evidenti criticità infrastrutturali dello scalo – così come evidenziato anche nella missiva odierna dell’ENAC che chiede di porre in essere le attività di analisi, studio e progettazione confermando così la volontà di ENAC stessa per la realizzazione delle nuova pista di volo -, il CdA ha deliberato di procedere con gli atti necessari per portare avanti il procedimento relativo a Masterplan dell’Aeroporto di Firenze” si legge in una nota diffusa nel pomeriggio.

5 Commenti

  1. Fatela finita una volta per tutte. Anch’io volevo costruire una piscina olimpionica in cantina, ma.. non c’era posto!!!

  2. Hai presente quello che perde 30.000 al casinò…e non è capace di smettere di giocare ……e dopo si infogna sempre di più …..e poi prende un’altra legnata e imbocca una strada senza ritorno… e poi…….Sono 40 anni che ci sbattono il grugno e non capiscono ancora che forse neanche l’aeroporto esistente dovrebbe essere in uso.Il territorio a Firenze è quello che è,e i sogni di qualche illuso e gli interessi di questa piccola cricca non possono cambiare la natura di questo.

  3. Questo Carrai parte da premesse assurde “la necessita’ dell’aereoporto di Firenze di dotarsi di una nuova pista” ed arriva ad una conclusione ancora piu’ assurda: andare avanti con il progetto nonostante il parere negativo del consiglio di stato. Distruggere la natura per fare un’opera inutile quanto dannosa!

  4. Buongiorno ma se andate nei paesi Europei secondo voi aereporto a che distanza è fate questo ragionamento
    Grazie

  5. A che distanza è dal centro ?? Mai a 5 km da l centro storico e in pieno abitato…mi risulta che a Londra sia ben lontano, a New york pure ecc ecc .Qui a 5 km da piazza della signoria proprio non si puo fare. FATELO A CASA VOSTRA…. di quelli che lo vogliono

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*