Buoni spesa, ecco la platea dei beneficiari e il modulo di richiesta: basterà l’autocertificazione FOTO

Linee guida per gli aiuti alimentari in seguito all’emergenza Coronavirus: le ha predisposte l’Anci Toscana, dando indicazioni ai Comuni su come erogare i contributi (alla regione sono stati assegnati 21,4 milioni) alle persone in difficoltà economica. Ai comuni pratesi arriveranno 1,4 milioni di euro, di cui circa 1 milione a Prato, 109 mila euro a Montemurlo, 83 mila euro a Carmignano, 53 mila euro a Vaiano e altrettanti a Poggio a Caiano e 18 mila euro a Cantagallo.

La platea dei beneficiari, spiega Anci Toscana, può essere composta da soggetti già seguiti dai servizi sociali che non usufruiscono di prestazioni assistenziali (o che hanno prestazioni non significative dal punto di vista del reddito), soggetti che hanno perso il lavoro, che hanno sospeso o chiuso attività e non hanno liquidità per il proprio sostentamento, persone con lavori intermittenti o che non riescono ad acquistare beni di prima necessità alimentare.

Tra i criteri di priorità, oltre alle persone e nuclei familiari non assegnatari di sostegno pubblico, la numerosità del nucleo familiare, la presenza di minori, situazioni di fragilità recate dall’assenza di reti familiari e di prossimità e situazioni di marginalità e di particolare esclusione”.

Considerati i caratteri di eccezionalità e temporaneità della misura nazionale, la procedura può applicarsi anche senza il ricorso alla prova dei mezzi (ISEE). La domanda dovrà essere inviata con posta elettronica: il richiedente dovrà produrre, sotto la propria responsabilità, anche penale, un’autocertificazione che attesti lo stato di bisogno o necessità. L’autocertificazione (leggi il documento predisposto da Anci) comprenderà anche: dichiarazione di sussistenza di altri eventuali sussidi percepiti dal nucleo familiare, di provenienza statale, regionale e/o comunale; dichiarazione circa la consistenza dei depositi bancari e postali; dichiarazione delle proprietà immobiliari.
L’individuazione delle persone e dei nuclei aventi diritto agli aiuti, avverrà da parte dei servizi sociali con la valutazione delle condizioni di cui sopra.

Il contributo è commisurato a numerosità del nucleo familiare e bisogno espresso. Nel caso di voucher sono consigliati tagli compresi da 50 euro/100 euro a seconda del nucleo familiare, per consentire la modulazione del contributo.
I richiedenti potranno avere voucher o buoni spesa spendibili in esercizi commerciali contenuti in un elenco che ciascun Comune dovrà pubblicare sul proprio sito. Inoltre i Comuni, per l’acquisto e la distribuzione di prodotto di prima necessità, possono avvalersi degli enti del terzo settore: nel caso di pacchi alimentari possono essere o acquisiti e gestiti dal Comune o direttamente dalle associazioni di volontariato. La distribuzione dei buoni dovrà essere organizzata dai sindaci in modo da evitare code e assembramenti.

22 Commenti

  1. (leggi il modulo predisposto dall’associazione dei comuni) Il collegamento non funziona e la pagina non si apre

  2. Scusate la mia ignoranza, spiego in breve la mia posizione: sono separata con una figlia a carico al100x100,ha 20anni e non lavora,ho un lavoro di 12 ore settimanali,per un mensile di circa 400euro,viviamo con mia madre pensionata (con la minima)con casa di proprietà, posso fare richiesta anch’io?

  3. mi fa piacere di avere un aiuto in piu visto che stiamo in casa da molta tempo e non abbiamo tanta possibilita economica io o 70 anni e mia moglie ne a 69.
    grazie di questa iniziativa del nostro governo

  4. Buongiorno volevo sapere come inviare nel comune di montermurlo il modulo per aiuti alimentari

  5. Temo che, come al solito, a beneficiare di questa forma di sussidio saranno tanti mafiosi, spacciatori e lavoratori in nero che magari stanno lavorando anche di questi tempi, mentre altre fasce di popolazione più meritevoli ne saranno nuovamente escluse.

  6. Buona sera sono di Sant Anastasia prv provincia di Napoli volevo sapere a c come mandare un email al comune se non pubblicano sul sito come fare domanda del buono pasto

  7. Ciao fratelli, sono un immigrato marocchino che non ha documenti, in Italia. Ho bisogno di mangiare e mangiare. Non ho smesso di lavorare da molto tempo. Vivo a Prato ora, ma non ho cibo e soldi per ferire il conto dell’affitto della casa in cui vivo. Spero che troverai una soluzione in Non appena morirò di fame spero in una risposta al più presto

  8. Sono Arta per fare la domanda buono spesa come deve fare sono cumune di Agliana, grazie

  9. Oh fatto domanda 1 mese fa con la segnalazione della sistente sociale un bambino con l’invalidità mi anno kiamata per ben 4 volte ma nn visto ancora nulla è una vergogna

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*