Coronavirus, Fratelli d’Italia tende la mano al mondo dello sport: “Stop al pagamento degli affitti per gli impianti”

Blocco degli affitti per palazzetti, piscine, palestre e campi di allenamento di proprietà del Comune, la cui gestione è affidata a società terze. E’ la proposta che Fratelli d’Italia ha indirizzato al Comune per far fronte all’emergenza sanitaria, legata al diffondersi del Covid 19, che colpisce anche il settore dello sport. «Crediamo – commentano Chiara La Porta, dirigente nazionale di Fratelli d’Italia e Giacomo Vezzani, responsabile attività sportive per Fdi – che in questi giorni ognuno di noi debba fare la sua parte e dare il suo contributo per uscire il prima possibile da questa situazione. Per tale ragione, senza alcun spirito critico e in piena ottica di collaborazione, lanciamo al Sindaco Biffoni il suggerimento di sospendere i canoni di affitto per tutte quelle società che si trovano a gestire strutture sportive di proprietà comunale».
«Considerando le disposizioni governative – aggiunge la nota- che impongono il blocco delle manifestazioni sportive sia al chiuso che all’aperto con il conseguente venir meno delle entrate degli iscritti e valutate anche le difficoltà economiche che si potrebbero profilare nei prossimi mesi per gli sponsor privati, riterremo di buon senso procedere a un blocco delle locazioni per un lasso di tempo congruo, da valutare di concerto con gli interessati, in modo da consentire alle società sportive di riprendere ossigeno e non subire ulteriori pressioni».

Da Fratelli d’Italia fanno sapere che nei prossimi giorni verrà presentato a riguardo uno specifico atto in consiglio comunale da parte del capogruppo Claudio Belgiorno.

2 Commenti

  1. Come mai questi del centrodestra che avrebbero la possibilita’ di collaborare in una situazione emergenziale, fanno solo proposte senza senso?

  2. La nostra richiesta è data per una collaborazione a 360 gradi con il comune e le società! Sicuramente chi ha un figlio che pratica sport, e chi ha una società, capiscono il problema

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*