Coronavirus, le misure allo studio del Comune per sostenere il mondo dello sport

romei enrico

L’emergenza sanitaria legata al diffondersi del Covid-19 colpisce il mondo dello sport nella sua interezza: società sportive e associazioni, gestori di impianti pubblici e privati, atleti, famiglie e tutti coloro che vi lavorano. Il Comune di Prato – come sottolinea il consigliere comunale con delega allo Sport Enrico Romei – sta valutando le possibili misure di sostegno da mettere in campo direttamente e gli interventi da chiedere a Regione e governo. 

“Il mondo sportivo subirà un grosso impatto economico dovuto al fermo degli impianti, alla chiusura delle club house, alla mancanza di eventi e di sponsor, con una pesante ricaduta su tutto il sistema lavorativo del settore” premette Romei. 

Tra le misure allo studio per rilanciare le attività sportive quando il blocco delle attività potrà essere superato, ci sono interventi per le famiglie, “nel tentativo di facilitare la prima spesa nell’accesso allo sport di base in vista della prossima stagione sportiva”; disposizioni per le società sportive (“sono allo studio le modalità attraverso cui la pubblica amministrazione potrà dilazionare o sospendere temporaneamente le imposte che i concessionari di impianti sportivi devono sostenere”); misure a beneficio di tutta la categoria degli operatori sportivi, “un mondo – sottolinea Romei – tanto flessibile quanto fragile che rischia di rimanere escluso dai provvedimenti di sostegno alle varie categorie di lavoratori e che assolutamente deve trovare corpo e sostanza economica nei decreti dell’attuale governo, prevedendo un capitolo di spesa apposito da erogare a tutti coloro che sono soggetti a contratti e rapporti di collaborazione sportiva”.

A livello regionale Romei propone la creazione di un bando straordinario a sostegno delle associazioni sportive, il cui contributo possa essere ricevuto entro la fine del 2020. “Al governo nazionale – continua il delegato allo Sport – chiederemo di aumentare i fondi dedicati a Sport e Salute, permettendo così alle federazioni sportive nazionali ed agli enti di promozione sportiva di sollevare le associazioni dal pagamento delle tasse d’iscrizione gare, di tesseramento e affiliazione nella stagione sportiva 2020/21”.

Altra proposta che il Comune di Prato farà è quella di modificare in via straordinaria per il 2020 e 2021 il meccanismo della detrazione d’imposta valida per le spese sportive dei minori, che attualmente permette un recupero fino al 19% della spesa per ciascun figlio: innalzamento al 100%, portando la soglia a 210 euro e validità per tutti gli appartenenti al nucleo familiare, di qualsiasi fascia di età.

“Rimaniamo fermamente convinti – conclude Romei – che, pur nel rispetto dei propri vincoli e competenze la pubblica amministrazione debba mettere in campo tutte quelle azioni che possono salvaguardare un mondo così importante come quello sportivo, vera e propria ricchezza del nostro tessuto sociale cittadino”.

Commenti

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*