Coronavirus, raffica di donazioni della comunità cinese: a Prato arriva anche una macchina per la sanificazione degli ambienti

Una macchina per l’igienizzazione delle strade cittadine e degli ambienti e 30mila mascherine in partenza per la Lombardia: sono le donazioni “record” che i cinesi hanno deciso di fare a favore, rispettivamente, della nostra città e della popolazione colpita dal Coronavirus in Italia del nord. Le mascherine, primo scudo contro il contagio, sono state acquistate dal Tempio buddista di Pu Hua Si di piazza della Gualcherina e saranno inviate in Lombardia tramite la locale Protezione Civile. “Abbiamo fatto questa donazione all’Italia e non alla Cina perché il tempio si trova in Italia e vogliamo dimostrare la nostra vicinanza ai fratelli italiani. Lo scopo del tempio è fare del bene a tutti, indistintamente”, hanno detto il segretario del tempio Davide Finizio e il presidente Huang Shu Lin.

Altre 4mila mascherine saranno donate dal tempio all’Ordine dei medici di Prato, per lo svolgimento dell’attività quotidiana dei medici pratesi. “E rimangono ancora altre 15mila mascherine in uso al tempio e ai fedeli che lo frequentano”, spiega il segretario Davide Finizio.

Tra 10 giorni, poi, arriverà a Prato una macchina per igienizzare con sostanze disinfettanti le ambulanze per trasportare i sospetti casi di Coronavirus, ma anche scuole, teatri e altri luoghi pubblici. La donazione è stata effettuata dall’equivalente della Protezione civile cinese alla nostra città, la prima, in Italia, a beneficiare dell’offerta di un dispositivo del genere (che in Cina viene utilizzato in manera massiccia per la sanificazione delle strade). “Perché a Prato? Per renderla un vero e proprio modello virtuoso, basato sulla collaborazione tra enti e su un principio di tutela di tutti i cittadini”, spiega ancora Finizio. Il progetto è stato attuato grazie al raccordo tra la Protezione civile cinese e la Ramunion Italia, associazione nazionale con sede unica a Prato, che svolge attività di protezione civile, ma anche scambi culturali e beneficenza.

 

LS

3 Commenti

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*