I ladri entrano in parrocchia, suona l’allarme e riescono a rubare solo delle bottiglie di spumante

Nella notte i ladri hanno visitato la parrocchia di Santa Caterina de Ricci in via della Romita. Poco dopo le una ignoti hanno scassinato la porta dei locali parrocchiali facendo così scattare l’allarme. Una volta scoperti i malviventi hanno pensato di darsi alla fuga, non prima di aver arraffato alcune bottiglie di spumante che si trovavano in cucina.

Il sistema di allarme è collegato con gli smartphone del parroco don Denis Tourè e del diacono Savino Amorese. Quest’ultimo, che abita nei pressi della parrocchia, è arrivato prontamente sul posto e ha richiesto l’intervento della polizia. Gli agenti e il collaboratore parrocchiale hanno potuto accertare che i ladri sono riusciti a entrare nella stanza del catechismo e in cucina, dove sono rimasti soltanto per pochi minuti. «Si tratta di ambienti solitamente vuoti, nei quali non viene custodito alcun oggetto di valore né soldi, probabilmente hanno scambiato la porta di questi locali per quella del mio ufficio, che si trova accanto», dice don Denis.

La parrocchia di Santa Caterina de Ricci, nella zona del Soccorso, vicino alla Declassata, è di recente costituzione, la chiesa e i locali annessi si trovano all’interno di due edifici prefabbricati. Oltre ad essere allarmati, gli ambienti sono dotati di un sistema di video sorveglianza, le cui immagini registrate nella notte sono state messe a disposizione delle forze dell’ordine.

Commenti

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*