“Il colibrì” di Sandro Veronesi tra i 12 finalisti del Premio Strega 2020

Lo scrittore pratese Sandro Veronesi, con il romanzo Il colibrì, edito dalla Nave di Teseo, è tra i 12 finalisti del Premio Strega 2020. La lista dei candidati al successore di Antonio Scurati, vincitore della scorsa edizione, è stata annunciata sul sito www.premiostrega.it con un video da Melania Mazzucco, a capo del comitato direttivo del prestigioso premio letterario. “Vorrei venire a voi con la leggerezza della regina della brigata della giornata degli amici del Decameron che riuniti sulla collina mentre infuria la peste nera, cercano di ricostruire un ordine e di mantenere gli usi e i costumi del loro mondo attraverso i racconti” ha detto Mazzucco, con un riferimento a Boccaccio e alla situazione attuale del coronavirus, che ha fatto saltare il Festival Libri Come a Roma, dove avrebbero dovuto essere annunciati i 12 finalisti. 

Assieme a Veronesi, che ha già vinto o Strega nel 2006 con Caos Calmo, tra i candidati al premio ci sono Gianrico Carofiglio  con  La misura del tempo, pubblicato da Einaudi; Valeria Parrella con  Almarina, sempre per Einaudi;  Daniele Mencarelli  con Tutto chiede salvezza  edito da Mondadori; Gian Arturo Ferrari, con il romanzo Ragazzo Italiano (Feltrinelli); Silvia Ballestra con La nuova stagione (Bompiani); Marta Barone autrice di Città sommersa (Bompiani); Giuseppe Lupo con Breve storia del mio silenzio (Marsilio);  Alessio Forgione, autore di Giovanissimi (NN);  Remo Rapino, con  Vita, morte e miracoli di Bonfiglio Liborio  (minimum fax);  Gian  Mario Villalta, scrittore de L’apprendista  (Sem) e infine Jonathan Bazzi, autore di Febbre (Fandango).
I dodici finalisti sono stati selezionati tra 54 proposte degli Amici della domenica, i 400 giurati del premio: secondo il regolamento ogni giurato ha avuto tempo fino al 3 marzo per presentare una proposta, accompagnando la scelta con una motivazione. Ecco quella formulata dall’Accademia degli Scrausi che ha formalizzato la candidatura di Veronesi.

Proposto da
Accademia degli Scrausi

«IL  romanzo che viene presentato
COmincia con un segno beckettiano
LIbrandosi da Roma (e poi  lontano,
BRÌndando alla forza del passato:
Si alza in volo). Un  Miraijin  neonato
Arriva tra i righi (e si ritrae,  piano:
Nasce al presente di un nuovo italiano;
Donna è il futuro qui prefigurato).
Racconti di luce e fili inventati;
di voci: e distese di sabbia;
VErità atroci esibite e non viste.
ROcce di pagine e suicidi a strati
NEgli anni sospesi. E un’unica gabbia
SI  sogna da sola un sorriso triste.
L’Accademia degli Scrausi presenta al Premio Strega 2020  Il Colibrì  (La Nave di Teseo) di  Sandro Veronesi. Anche solo per ricordare agli  Amici della Domenica  la forza commovente del  suo protagonista Marco Carrera. Preghiamo per lui e per tutte le navi in mare.»

A giugno i dodici nomi saranno ristretti ad una rosa di 5 finalisti, tra i quali il 2 luglio al Ninfeo di Villa Giulia sarà proclamato il vincitore. 

Commenti

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*