Ogni giorno Rosario e Messa in diretta su Tv Prato. L’impegno della Diocesi per favore la partecipazione dei fedeli alla liturgia VIDEO

Una serie di dirette per consentire a tutti i telespettatori di coltivare la fede e partecipare a distanza alle celebrazioni liturgiche in questo tempo di Quaresima: è il nuovo programma messo in campo dalla Diocesi di Prato in collaborazione con Tv Prato, per venire incontro alle esigenze dei fedeli, in settimane di forti restrizioni stabilite dal Governo per fronteggiare il contagio da Coronavirus.

Come le altre diocesi in Italia, anche la Chiesa di Prato ha sospeso la celebrazione pubblica delle messe: le chiese restano, al momento, aperte per consentire la preghiera ma i sacerdoti continueranno a celebrare messa a porte chiuse, senza la partecipazione diretta dei cittadini. La Diocesi, in collaborazione con l’emittente televisiva cittadina, ha così approntato un servizio pensato per stare vicino alla gente in un momento di difficoltà e di smarrimento.

Questo il calendario delle dirette, che saranno visibili sul canale 74 del digitale terrestre o in streaming su tvprato.it:

tutti i pomeriggi, alle 17,30, recita del rosario e messa, in diretta dal Duomo;
tutti i venerdì, alle 21,20, Via Crucis da una delle chiese della Diocesi pratese;
tutti i sabati, come di consueto, alle 18, messa prefestiva in diretta dal Duomo di Prato;
tutte le domeniche, alle 10,30, messa domenicale trasmessa da una delle parrocchie della Diocesi di Prato.

A queste dirette si aggiunge, ogni giorno alle 7, la Messa celebrata da Papa Francesco, che Tv Prato trasmette, da questa mattina, in diretta da Casa Santa Marta in Vaticano.
Le dirette resteranno valide fino a diversa comunicazione.

Proprio nella giornata di ieri, il vescovo di Prato, monsignor Giovanni Nerbini, ha celebrato la messa in Duomo a porte chiuse: l’intera cerimonia è stata trasmessa in diretta da Tv Prato. Monsignor Nerbini ha esortato tutti ad avere fiducia nel Signore: «La parola di Dio sia in nostro farmaco contro lo sconforto, la paura e la solitudine», ha detto Nerbini.

1 Commento

  1. La vicinanza della Chiesa è di grande conforto in questo momento particolare che stiamo vivendo.
    Ringrazio il Signore che finalmente questi mezzi moderni
    ci permettano di vivere questi momenti liturgici pienamente.
    Grazie! Antonella

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*