Stop a consiglio comunale e commissioni, Lega e 5 Stelle all’attacco: “La maggioranza deve coinvolgerci di più”

Il consiglio comunale e le commissioni consiliari sono ormai fermi da 2 settimane, dall’inizio dell’emergenza, date le regole di contenimento del contagio. Rallentare è giusto, ma non fermarsi.” A dirlo è Silvia La Vita, consigliere comunale del Movimento 5 Stelle. “Adesso gli strumenti per effettuare le sedute in videoconferenza ci sono, quindi è necessario coinvolgere il consiglio comunale nelle decisioni prese e in quelle da prendere” afferma La Vita, ricordando che ad oggi “l’unico Consiglio Comunale in programma è quello del 9 aprile sul bilancio previsionale. Sono escluse dunque question time, interrogazioni, mozioni, relazioni del sindaco e successivi dibattiti”.

Secondo La Vita “non possiamo più aspettare: in una situazione drammatica qual è quella che stiamo vivendo, ognuno dei 32 consiglieri comunali è prezioso perché può e deve portare il proprio contributo”. “Ci attendono sfide enormi, da un punto di vista sociale ed economico, per questo torniamo a dire al sindaco Biffoni e al Pd: non aspettiamo, ripartiamo da subito con i lavori del consiglio comunale” conclude La Vita.

Anche il gruppo della Lega in consiglio comunale chiede un maggiore coinvolgimento da parte dell’amministrazione comunale. “Fin dall’inizio dell’emergenza Coronavirus, il gruppo Lega in consiglio comunale a Prato si è detto disponibile a collaborare con l’amministrazione per il bene della cittadinanza pratese, evitando strumentalizzazioni inutili” sottolinea il Carroccio, che dopo la seduta dell’ultimo consiglio comunale del 12 marzo scorso, ha protocollato un documento con alcune proposte concrete in relazione all’emergenza sanitaria e alla luce del contenuto dei decreti emanati dal Governo nei giorni precedenti”. I consiglieri della Lega esprimono “soddisfazione per aver visto attuati alcuni dei punti proposti”, auspicando al contempo un maggior coinvolgimento da parte del sindaco e della giunta per il bene della cittadinanza.

Commenti

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*