Buoni spesa, da domani si possono presentare le domande. Ecco i punti vendita coinvolti nel comune di Prato

Buoni spesa, da domani si possono presentare le domande per ottenerli nel comune di Prato. C’è tempo fino a sabato 11 aprile. Saranno due le modalità di richiesta: o tramite procedura online, disponibile sul sito del comune di Prato, o telefonicamente chiamando il numero 800 270157. Il numero verde sarà attivo mercoledì 8 aprile dalle ore 9 alle ore 18, nei giorni di giovedì 9, venerdì 10, sabato 11 dalle ore 8 alle 18. Per chi presenterà la domanda attraverso il numero verde, la telefonata sarà registrata, così da valere come documentazione ufficiale.

Sono 41 i punti vendita che hanno aderito all’iniziativa, tra grande distribuzione ed esercenti diffusi su tutto il territorio comunale: l’elenco è disponibile sul sito del Comune di Prato. e comprende i seguenti esercizi:

Eurospin via di gello; Eurospin via Cava; Conad City via delle Gardenie; Conad City via Pistoiese; Conad City via Alfani; Unicoop Viaccia via Pistoiese; Supermercato Conad via VII Marzo; Supermercato Conad via Gherardi; Conad City via Santa Gonda; Agraria Pratese via Arcangeli; Bazar Salam sas; Lamoudane Hamid; Conad via Roma; Conad via Catani; Conad via Kuliscioff; Macelleria Fedi; Gastronomia Bernocchi; Sigma via Ferraris; Usama Minimarket; I Cicciaio; la Fattoressa; Gastronomia Tempestini; Farmacia del Pino; Ekom; Il Buongustaio; Delizie Toscane; Unicoop via delle Pleiadi; Unicoop via Valentini; Unicoop via Targetti; Pastificio Ferraboschi; la Bottega di Casale; Le Delizie della Terra; L’orto di Piero; La Bottega di Figline; Fang Xiulian & C sas; Mia Macelleria; Conad City via Spontini; Carrefour Market via XX Settembre; nenciarini via di Garduna; Nenciarini via di Reggiana; Saporè.

In fase di compilazione della procedura si dovrà indicare il punto vendita presso il quale si intende spendere il buono spesa. Si possono scegliere anche due punti vendita ma in questo caso l’importo spettante sarà diviso in due parti uguali. Sullo stesso sito del Comune la prossima settimana sarà pubblicata la graduatoria degli aventi diritto (con numero di domanda, non con nome e cognome per ragioni di privacy), i quali potranno ritirare il buono spesa presso il punto vendita scelto (o i due punti vendita scelti).

L’importo del buono sarà proporzionato al numero di membri del nucleo familiare. Le risorse assegnate dal Governo al Comune di Prato per il Fondo di solidarietà alimentare ammontano a oltre un milione di euro. Queste saranno utilizzate per una cifra pari a 948mila euro per l’acquisto dei buoni spesa da erogare a cittadini residenti in stato di disagio socio-economico a causa degli effetti dell’emergenza COVID 19; i restanti 90mila euro invece saranno trasferiti ad enti del terzo settore. Il buono spesa sarà erogato una tantum, salvo ulteriori erogazioni da parte del Governo, ed è commisurato al numero di componenti del nucleo anagrafico: 100 euro per ogni componente del nucleo familiare, fino a un massimo di 400 euro per nuclei di 4 persone o più.

Criteri di accesso. Possono accedere ai Buoni spesa i residenti nel Comune di Prato e la graduatoria terrà conto di una serie di requisiti che potranno dare punteggio positivo o negativo.

– consistenze economiche complessive (del nucleo anagrafico) in conti correnti, depositi, possesso di titoli etc.. alla data di presentazione della domanda, non superiori a 5mila euro per i nuclei anagrafici formati da una sola persona, fino al massimo di 10mila euro per i nuclei anagrafici formati da 4 persone o più. Tali consistenze economiche daranno luogo a punteggi penalizzanti (negativi) per l’inserimento in graduatoria, crescenti in base alla maggior consistenza economica dichiarata. Per questi dati sarà sufficiente l’autocertificazione, il Comune attiverà controlli successivi.

– I richiedenti percettori di altri contributi pubblici (ad es., reddito di cittadinanza, cassa integrazione, NASPI o altri contributi pubblici statali, regionali, comunali) potranno eventualmente beneficiare della misura, ma senza priorità, sulla base di attestazione dello stato di necessità.

– Dovrà essere tenuto in considerazione, attribuendo valutazioni o punteggi positivi, il carico familiare (la numerosità, la presenza di minori, disabili, invalidi), la presenza di mutui o affitto per l’abitazione di residenza, l’assenza di reti familiari di sostegno e altri indicatori di disagio sociale, come l’impossibilità ad approvvigionare il nucleo familiare di generi di prima necessità a causa della sospensione o riduzione dell’attività lavorativa in seguito all’emergenza;

Per ogni nucleo familiare la domanda può essere presentata da un solo componente. Al fine di attestare il possesso dei requisiti per l’accesso alla misura previsti dal provvedimento, il beneficiario dovrà presentare dichiarazione sostitutiva di atto notorio. L’amministrazione provvederà a verifiche a campione sulle dichiarazioni ai sensi dell’art 11 DPR 445/2000; in caso di esaurimento delle risorse e eventuali parimerito al termine degli ammessi, dovrà essere prevista precedenza per i nuclei più numerosi.

1 Commento

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*