I commercianti di Montemurlo ci mettono la faccia e chiedono ai concittadini di fare acquisti sul territorio VIDEO

#RipartiamoDaMontemurlo! È questo l’hashtag di una campagna social di sensibilizzazione promossa da 99 commercianti di Montemurlo, Bagnolo e Oste che chiedono ai loro concittadini di continuare a fare acquisti sul territorio anche una volta che l’emergenza Coronavirus sarà passata.

Un invito a sostenere il commercio di vicinato, a continuare a fare acquisti nei negozi sotto casa che non hanno mai smesso di offrire i loro servizi, anche a domicilio, durante i due mesi bui del lockdown, dell’isolamento. Allo stesso tempo #ripartiamodaMontemurlo è una richiesta di aiuto verso chi è stato costretto a chiudere, come bar, ristoranti, parrucchieri, estetisti, negozi di abbigliamento, e ora ha bisogno di fiducia e sostegno concreto per ripartire ed evitare così la chiusura.

A lanciare l’appello a “ripartire da Montemurlo” è il sindaco Simone Calamai, che ha patrocinato l’iniziativa e ha condiviso le preoccupazioni dei commercianti in un breve video messaggio: «Il Coronavirus ha travolto le nostre vite, le nostre abitudini. Bar, ristoranti, negozi e servizi hanno abbassato le serrande con grande senso di responsabilità per aiutare il nostro Paese a combattere un nemico invisibile. – dice il sindaco Calamai – La battaglia non è vinta ma la luce sembra più vicina. Quando ripartiremo, quanto torneremo ad abbracciarci e a bere un caffè insieme, non dimentichiamoci di Montemurlo. Facciamo acquisti sul territorio, sosteniamo le nostre attività e la nostra comunità #ripartiamodaMontemurlo».

Il video, che da oggi ha iniziato a girare sui social dei commercianti montemurlesi e del Comune di Montemurlo, è stato realizzato gratuitamente da Antonella Biscardi e raccoglie semplicemente i volti delle persone che siamo abituati a vedere dietro ai banconi e ritroviamo tutta Montemurlo: bar, ristoranti, pasticcerie, ferramenta e negozi di abbigliamento, gioiellerie e parrucchieri, centri estetici e palestre e molto altro ancora.

«In questi mesi così duri il commercio di vicinato ha dimostrato tutta la sua importanza a servizio della comunità, persone che non hanno mai smesso di lavorare e sostenere i cittadini anche atttrverso l’adesione al progetto del Comune dei buoni spesa e della “spesa sospesa”.- conclude il sindaco Calamai – È giusto quindi continuare a sostenere la nostra rete di servizi e negozi. Il modo più semplice per farlo è a fare acquisti sotto casa. In questo modo ognuno di noi potrà aiutare la ripartenza e potrà evitare che molte attività siano costrette a chiudere. Sono convinto che i montemurlesi sapranno essere uniti anche in questo frangente».

Questo il link per il video

Commenti

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*