Movida, nessuna multa in centro ma ancora atti di vandalismo. E aumentano le segnalazioni di assembramenti in periferia FOTO

Gli occhi di tutti erano puntati sul centro storico ieri sera, primo giorno in cui entrava in vigore l’ordinanza del Comune che vieta dalle 23 la somministrazione di bevande da asporto. E invece le chiamate alla centrale operativa della polizia municipale sono quasi tutte arrivate per segnalare assembramenti o musica ad alto volume in quartieri di periferia. Solo una infatti è stata la segnalazione di caos legata alla movida in via Settesoldi, poi gli agenti di piazza Macelli sono dovuti intervenire in corrispondenza di locali di periferia o di giardini. La municipale è stata contattata pure per segnalare il ritorno sulla terrazza del Serraglio di alcuni episodi di degrado, anche se il comandante Marco Maccioni, che conferma l’intervento, parla di “fenomeno circoscritto e non preoccupante”.


In centro storico non è stata elevata alcuna multa. In azione per tutta la sera c’è stato il gruppo interforze che ha verificato il rispetto dell’ordinanza e ha sciolto eventuali assembramenti. “A differenza della scorsa settimana – chiarisce Maccioni – le strade erano più libere e si camminava più facilmente. La situazione in generale è migliorata” conclude il comandante.
Non sono però mancati i soliti atti vandalici ai danni degli arredi del centro storico. Come già accaduto la scorsa settimana, a essere prese di mira sono state le fioriere di via Garibaldi, nuovamente rotte nella notte. Una situazione che ha scatenato la rabbia dei gestori dei locali che hanno espresso la loro solidarietà ai negozianti danneggiati.

Commenti

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*