Poggio a Caiano, le famiglie possono suggerire al Comune le offerte educative per il periodo estivo

Con la delibera di giunta “Riparti Poggio”, il comune mediceo ha stanziato, insieme ai contributi da destinare alle imprese, anche 35mila euro per dar vita a dei servizi educativi alternativi che consentano alle famiglie di lavorare nonostante le scuole chiuse e ai più piccoli di recuperare i loro spazi di socialità. Per avere un quadro più chiaro delle varie necessità, da oggi sul sito e sulla pagina Facebook del Comune di Poggio a Caiano, è disponibile un questionario che consentirà di cucire al meglio i servizi partendo proprio dai bisogni delle famiglie poggesi. Il modulo, compilabile a video, dovrà essere poi inviato all’indirizzo mail scuola@comune.poggio-a-caiano.po.it entro il 14 maggio 2020.

“L’obiettivo è quello di costruire la migliore offerta educativa e di socializzazione da concretizzare da qui e la riapertura delle scuole e degli asili – spiega l’assessore alla Pubblica Istruzione Fabiola Ganucci – Con lo stesso principio, intendiamo anche co-progettare gli interventi da fare sulle scuole in vista del rientro a settembre”.
“In questa fase è fondamentale il confronto con le famiglie – aggiunge il sindaco Francesco Puggelli – Solo collaborando potremo mettere in piedi gli interventi più mirati ed efficaci per rispondere al meglio alle esigenze dei nostri concittadini, grandi e piccoli”.

Questo il link per scaricare il modulo 

Commenti

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*